Non era ufficialmente in programma la visita di Putin a Belgrado

L’Ambasciatore serbo a Mosca, Miroslav Lazanski, ha affermato che il Presidente russo Vladimir Putin da febbraio non si muove dalla Russia e che la visita in Serbia non era in programma, anche se c’era un piano correlato all’apertura del Tempio di San Sava a Belgrado.

“Dato che i lavori non sono stati ancora completati, e c’è una nuova ondata di coronavirus, è rischioso aprire il Tempio senza la presenza dei credenti, o con 30mila persone e il Presidente russo in arrivo”, ha affermato Lazanski.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ha detto che quando una visita ufficiale del Presidente russo viene annullata, la procedura è verbalizzata e viene dichiarato il motivo per cui è stata cancellata.

“Putin non è uscito dalla Russia dal febbraio di quest’anno e non è stato in visita da nessuna parte al di fuori del Paese”, ha detto Lazanski.

Alla domanda quando Putin potrebbe venire in Serbia, Lazanski ha detto che dipende dalla pandemia da coronavirus.

“Stiamo tutti aspettando con impazienza la vaccinazione. La leadership militare russa è stata vaccinata, e quando e se Putin sarà vaccinato è una sua decisione personale. Non riceve nemmeno i suoi Ministri, tutto è fatto online”, ha osservato Lazanski.

Ha aggiunto che a causa dell’epidemia, quattro milioni di cittadini di Mosca lavorano dalle proprie abitazioni nelle campagne.

Parlando dell’accordo firmato a Washington sulla questione del Kosovo e Metohija, Lazanski ha detto che non ci sono stati “grandi commenti a proposito”.

L’Ambasciatore ha valutato che l’annunciata visita del capo della diplomazia russa prevista per oggi, Sergey Lavrov, non ha nulla a che fare con la formazione del governo in Serbia.

“Che la visita abbia qualcosa a che fare con la formazione del governo serbo è una tesi esagerata. È successo per caso e basta”, ha detto.

Lavrov sarebbe dovuto arrivare a Belgrado per confermare le buone relazioni tra Serbia e Russia, ma la visita non ci sarà perché il politico russo è in autoisolamento a causa di contatti con persone risultate positive al COVID-19.

https://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2020&mm=10&dd=27&nav_category=11&nav_id=1754046

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in coronavirus, Putin, Serbia
energia da fonti rinnovabili
I costi dell’energia solare in Serbia

Sekulović: “L’UE non ha bisogno di Paesi poveri come la Serbia”

Close