Nikolic: la Serbia potrebbe chiudere le frontiere ai migranti

Lunedì 3 ottobre, il Presidente serbo Tomislav Nikolic ha dichiarato che la Serbia dovrà chiudere le proprie frontiere, nel caso l’Unione europea dovesse rifiutare di accogliere i migranti sul proprio territorio. 

“La chiusura delle frontiere da parte degli altri paesi trasformerebbe la Serbia in un imbuto che trattiene l’acqua, e a quel punto, a prescindere dalle nostre convinzioni e dai nostri desideri, saremo costretti ad impedire l’accesso ai migranti, che tra l’altro non hanno mai considerato la Serbia quale meta finale del loro viaggio”: è quanto il Presidente ha riferito ai giornalisti in un incontro presso il Palazzo di Serbia, sottolineando che se l’Unione Europea ha deciso di negare l’ingresso ai migranti, costringendoli a tornare indietro lungo la propria rotta, la Serbia non ha alcun obbligo di fare diversamente.

“Se decidono di inviare nuovamente queste persone in Serbia, non abbiamo alcun obbligo di accettarle: dovranno aggirare il paese o sorvolarlo, che tornino nei paesi che possono invitarli. Se l’Unione Europea non è contraria al modo in cui l’Ungheria sta affrontando la questione, non sarà delusa neanche dalla Serbia”.

Nikolic ha spiegato che Belgrado sta negoziando quotidianamente con Bruxelles, e che la Serbia è capace di accogliere non più di 5.000 o 6.000 persone, e ha concluso dichiarando che “è assurdo che la Serbia sia il primo stato sulla rotta balcanica a registrare il passaggio dei migranti”.

(Beta, 03.10.2016)

http://beta.rs/en/42430-nikolic-serbia-will-have-to-close-its-borders-to-migrants

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top