Nikolic: la Serbia potrebbe chiudere le frontiere ai migranti

Lunedì 3 ottobre, il Presidente serbo Tomislav Nikolic ha dichiarato che la Serbia dovrà chiudere le proprie frontiere, nel caso l’Unione europea dovesse rifiutare di accogliere i migranti sul proprio territorio. 

“La chiusura delle frontiere da parte degli altri paesi trasformerebbe la Serbia in un imbuto che trattiene l’acqua, e a quel punto, a prescindere dalle nostre convinzioni e dai nostri desideri, saremo costretti ad impedire l’accesso ai migranti, che tra l’altro non hanno mai considerato la Serbia quale meta finale del loro viaggio”: è quanto il Presidente ha riferito ai giornalisti in un incontro presso il Palazzo di Serbia, sottolineando che se l’Unione Europea ha deciso di negare l’ingresso ai migranti, costringendoli a tornare indietro lungo la propria rotta, la Serbia non ha alcun obbligo di fare diversamente.

“Se decidono di inviare nuovamente queste persone in Serbia, non abbiamo alcun obbligo di accettarle: dovranno aggirare il paese o sorvolarlo, che tornino nei paesi che possono invitarli. Se l’Unione Europea non è contraria al modo in cui l’Ungheria sta affrontando la questione, non sarà delusa neanche dalla Serbia”.

Nikolic ha spiegato che Belgrado sta negoziando quotidianamente con Bruxelles, e che la Serbia è capace di accogliere non più di 5.000 o 6.000 persone, e ha concluso dichiarando che “è assurdo che la Serbia sia il primo stato sulla rotta balcanica a registrare il passaggio dei migranti”.

(Beta, 03.10.2016)

http://beta.rs/en/42430-nikolic-serbia-will-have-to-close-its-borders-to-migrants
[widget id=”text-22″]

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top