Nestorović: “Ospedali pieni di falsi positivi”

Lo pneumologo ed ex membro dell’Unità di crisi, Branimir Nestorović, ha nuovamente scioccato l’opinione pubblica, questa volta sostenendo che un gran numero di persone che si trovano in ospedale per un quadro clinico lieve, in realtà sono dei falsi positivi.

“Il test…Cosa significa il test? Il test non significa niente. Un numero enorme di persone con un quadro clinico lieve deve essere ricoverato in ospedale, poi gli ospedali e le unità sanitarie sono sovraffollati. Dicembre è la stagione dei virus alle vie respiratorie”, ha detto Nestorović.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ha sottolineato che è insolito che la terza ondata di epidemia di coronavirus sia la più forte, ma che il tasso di mortalità è ancora basso in relazione al numero di persone infette e che le autopsie eseguite nel mondo hanno dimostrato che la causa più comune di morte nei pazienti è dovuta alla coagulazione del sangue e non alla polmonite.

“Secondo la mia personale opinione, se un giovane muore con un test positivo bisogna sapere di cosa è morto. Non mi basta dire che è morto per il coronavirus”, ha detto.

Nestorovic ha anche fatto riferimento al principio del ricovero forzato in BiH.

“Se hai un test positivo, ti mettono in ospedale anche se non vuoi andarci. Abbiamo violato tutti i principi di etica per difenderci dal virus, la cui mortalità è attualmente inferiore allo 0,1% nel mondo, poco più di quella influenzale. L’OMS dice che non possiamo nemmeno pensare a partite e concerti per i prossimi due anni. L’Inghilterra fa una legge dove non puoi andare dalla tua ragazza se non sei sposato…Non riesco a capirlo. Ci sono state epidemie di peste, colera, malattie gravi…Non capisco perché le persone abbiano paura, non c’è motivo di aver paura. Ogni malattia ha la sua mortalità”.

Lo specialista ha sottolineato che la morte per coronavirus dovrebbe essere accertata non solo da un test positivo, ma anche dai cambiamenti che possono essere visti sui corpi dei defunti dall’autopsia.

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità confonde costantemente le persone. Prima dice che il virus è mortale, e ora dice che la mortalità è molto bassa. Poi dice che è una malattia asintomatica, quindi costringe le persone sane a indossare le maschere, poi dice che non ha senso rinchiudersi, mentre tutti i Paesi si rinchiudono. Ciò crea grande confusione”, ha concluso Nestorovic.

https://pravda.rs/2020/12/11/nestorovic-pogazili-smo-sve-principe-etike-bolnice-pune-zdravih-ljudi/

Photo credits: “Youtube”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... falsi positivi, Nestorovic, ospedali
Nestorović: “Sottoporsi ai test non ha senso, la fine dell’epidemia è vicina”

Serbia pronta al dietrofront se il virus si ripresenta

Chiudi