Nessuna “Nuova Jugoslavia”: Serbia, Albania e Macedonia del Nord formano una “Piccola Schengen”?

La vice Prima Ministra Zorana Mihajlovic ha fatto appello a tutti i Paesi dei Balcani occidentali per sviluppare una strategia comune di sviluppo economico. Questo sarebbe uno dei temi dei colloqui con i leader di Albania e Macedonia del Nord, Edi Rama e Zoran Zaev, in programma all’inizio di ottobre a Belgrado.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

L’incontro, ha affermato, è stato fissato dal Presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, per parlare della formazione di una “piccola Schengen”.

“Ciascuno dei Paesi dei Balcani occidentali è troppo piccolo per attrarre investitori globali, senza i quali è impossibile garantire una crescita economica costante. Insieme possiamo essere più competitivi, sia con l’UE che con altri mercati mondiali. Ciò è stato chiaramente dimostrato dall’apertura della nuova fabbrica della Volkswagen”, ha dichiarato la Mihajlovic.

La vice Prima Ministra ha aggiunto che non si tratta di creare una “nuova Jugoslavia” o dei “grandi Balcani”, ma di applicare una pura logica economica che possa fornire una vita migliore ai cittadini.

“Ciò che ognuno di noi deve fare è rimuovere tutti gli ostacoli doganali e di frontiera interni per il trasporto di merci e servizi tra Serbia, Albania e Macedonia del Nord; adesso abbiamo anche il sostegno di una nuova organizzazione, la Comunità dei trasporti, la cui sede è stata recentemente aperta a Belgrado”.

La Mihajlovic, che è anche Ministra delle costruzioni, dei trasporti e delle infrastrutture, ha aggiunto che sarebbe molto positivo per tutti i paesi dei Balcani occidentali avere una politica di infrastrutture armonizzata.

“Forse il primo passo in questa direzione potrebbe essere la formazione di una rete regionale di caricabatterie per veicoli elettrici, una tecnologia che è sicuramente il futuro, nonché il pedaggio unico sulle autostrade della regione che consentirebbe ai cittadini di attraversare le autostrade senza fermarsi ogni volta ai caselli”.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2019&mm=09&dd=25&nav_id=1595742

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Albania, Edi Rama, jugoslavia, Macedonia del Nord, Piccola Schengen, Zaev
Il Gruppo Korni, arte moderna e il Love Festival vi aspettano a Belgrado e a Novi Sad

Brnabic: Chiedo a Pristina di mostrare la denuncia inviata al CEFTA

Chiudi