Nessun accordo tra la Fiat e il Comitato di sciopero della “Plastik”

“Dopo il secondo round di trattative con la mediazione del conciliatore, non solo non è stato raggiunto alcun accordo con il datore di lavoro, ma i lavoratori si sono trovati in una situazione “ancora peggiore” di prima”, ha affermato Zoran Miljković, presidente del Comitato di sciopero “Fiat Plastik” a Kragujevac.

“Il datore di lavoro in modo estremamente arrogante e rude ci ha offerto un contratto collettivo illegale in cui dobbiamo rinunciare al nostro diritto di sciopero e in cui il nostro regresso è ridotto di oltre il 60%”, ha detto Miljković dopo un incontro di due ore e mezza negli uffici Fiat di Belgrado.

Secondo le sue parole, il direttore generale della Fiat a Kragujevac, Nikola Jerotijevic, si è rivolto a lui personalmente e “ad alta voce” ha detto che, in violazione delle leggi sul lavoro e sullo sciopero non gli sarebbe stato permesso di scioperare nella fabbrica.

Miljković ha affermato che i lavoratori hanno presentato al datore di lavoro e al conciliatore un documento, che sostengono legalmente valido dal 2018, con le firme del sindacato e del datore di lavoro, con il quale ci si impegna a pagare il ricorso ai lavoratori per l’importo della stipendio medio.

Miljković ha aggiunto che la Ministra del Lavoro, Darija Kisić Tepavčević, non ha partecipato all’incontro e non c’è stato alcun incontro con gli scioperanti prima del secondo round di riconciliazione. Secondo Miljković, la Ministra ha detto che avrebbe parlato con lui durante la giornata.

“Chiediamo alla Ministra di inviare urgentemente un’ispezione del lavoro da Belgrado alla “Fiat Plastik”, che ordini al datore di lavoro di restituire le macchine spostate illegalmente durante lo sciopero in un’altra fabbrica e di far tornare al lavoro il gruppo di lavoratori, tra cui membri del Comitato di sciopero, in congedo forzato”.

Lo stesso ha sottolineato che se le macchine non verranno restituite il prima possibile si considererà che lo Stato si è schierato apertamente contro tutti i lavoratori in Serbia perché nessun sindacato potrà scioperare se tutti i datori di lavoro possono agire come la Fiat.

https://naslovi.net/2021-09-09/beta/strajkacki-odbor-druga-runda-mirenja-bez-pomaka-fijat-nije-spreman-na-ustupke/28854060

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top