Oltre il neo-ottomanesimo, i reali interessi della Turchia in Serbia

Il ritorno degli imperi storici è da tempo un tema preferito negli scritti occidentali sui Balcani. L’UE, attraversata da crisi interne, sta perdendo terreno, viene frequentemente asserito, e la Russia e la Turchia riempiono il divario.

Il “Neo-ottomanismo” è sulla bocca di tutti, mentre “Profondità strategica”, il trattato di Ahmet Davutoglu, emblema di una politica estera proattiva che trae ispirazione dal patrimonio imperiale della Turchia, è stato tradotto praticamente tutte le lingue balcaniche. Non mancano i detrattori, che farneticano sulle aspirazioni geopolitiche di Ankara e i rinascenti legami con le comunità musulmane locali. Anche i diplomatici statunitensi hanno espresso preoccupazione per le “ambizioni” turche sui Balcani.

Ma nella visita del Presidente Recep Tayyip Erdogan in Serbia è difficile trovare “ambizioni” neo-ottomane. La Serbia è tutt’altro che un alleato storico, per usare un eufemismo, e difficilmente soffre di nostalgia per i sultani ottomani (nonostante la popolarità di Magnificent Century, una serie TV su Suleiman il Magnifico).

La visita ha uno scopo molto più pragmatico. Dodici nuovi accordi sono stati firmati con il governo serbo, tra cui un aggiornamento per l’accordo di libero scambio che i due paesi hanno concluso nel 2009. Insieme con il Presidente Aleksandar Vucic, Erdogan si è impegnato a spingere il fatturato del commercio annuale tra i due Paesi da 800 milioni di dollari a 1 miliardo di dollari. In virtù della sua dimensione, la Serbia è il mercato più importante della Turchia nell’ex Jugoslavia, ben oltre i paesi più vicini, come la Bosnia o il Kosovo.

Questo non significa negare il ruolo svolto dall’Islam e dal passato ottomano. Il viaggio di Erdogan nella zona a maggioranza musulmana del Sangiaccato in data 11 ottobre mira ad affermare il suo ruolo di leader di una comunità che trascende i confini della repubblica turca. Novi Pazar, capoluogo della regione del Sangiaccato divisa tra la Serbia e il Montenegro, era ricoperta di cartelloni con il volto del Presidente turco e la scritta “hosgeldiniz” (“benvenuto” in turco) a grandi lettere.

“Tito è venuto a trovarci solo una volta. Questa è la seconda volta di Erdogan”, ha dichiarato un residente locale intervistato da Al Jazeera Balkans. “Non c’è famiglia a Novi Pazar senza un parente che vive in Turchia”.

Ma la principale preoccupazione di Erdogan nella sua visita a Novi Pazar è rappresentata dalla sua guerra contro il religioso in esilio Fethullah Gulen, un ex alleato trasformatosi in rivale contro cui sono state mosse accuse per il tentativo di colpo di stato nel luglio 2016. La rete guldenista, ora considerata un’organizzazione terroristica da parte di Ankara, gestisce una serie di scuole e centri umanitari nell’ex Iugoslavia, anche a Novi Pazar. La rete era l’avanguardia del potere turco all’estero, ma ora il governo turco sta cercando di smantellarla, in Bosnia, in Georgia o in Asia centrale. Il messaggio di Erdogan a Novi Pazar è chiaro: la zona è il mio tappeto erboso, non quello di Gulen.

È notevole che Erdogan abbia trovato un partner in Aleksandar Vucic. Il Presidente della Serbia è cresciuto nel Partito radicale ultranazionalista negli anni ’90 e ha ricoperto la carica di Ministro dell’Informazione sotto Slobodan Milosevic. Ma ora è la voce di pragmatismo: “Questo non è il 1389, la Serbia e la Turchia sono paesi amici”, ha dichiarato, riferendosi all’anno della battaglia del Kosovo tra le forze serbe e l’esercito invasore ottomano.

Vucic è ora un partigiano dell’integrazione nell’UE, nutre i legami con la NATO e la Russia, porta investimenti dal Golfo, e ha anche ospitato il vertice annuale della Cina e delle nazioni dell’Europa orientale (la cosiddetta iniziativa 16 + 1). La Turchia è un’altra piuma nel berretto di Vucic; la versatilità della sua politica estera evoca l’epoca di Josip Broz Tito.

Il costo del coinvolgimento della Turchia è minimo. I nazionalisti in Serbia guardano con favore alle lotte di Erdogan contro Stati Uniti e UE e alla sbocciante amicizia con Putin.  Coloro che indicano l’esistenza di paralleli inquietanti tra le tattiche forti di Vucic e i modi autoritari di Erdogan sono semplicemente ignorati.

La Turchia è vista come un partner piuttosto che come una minaccia. Nel 2009-10, il Ministro degli Esteri Davutoglu ha nutrito le sue ambizioni di diventare il mediatore chiave dei Balcani, soprattutto in Bosnia. L’iniziativa a tre vie che ha sostenuto insieme ai suoi colleghi di Belgrado e di Sarajevo è ancora viva, ma il suo impatto è simbolico.

La Turchia è ormai concentrata soprattutto sulla Siria e sul Medio Oriente, fonte delle sue sfide più urgenti. I Balcani sono, nel migliore dei casi, un ulteriore passo, anche se le filiali della AKP, il partito di Erdogan, hanno corso nelle elezioni in Macedonia e in Bulgaria. Davutoglu, che aveva un debole per la regione, ha stretto amicizia con l’ex ministro degli esteri della Serbia Vuk Jeremic e ha trascorso le vacanze estive in Kosovo, è ora in pensione e non c’è nessun altro desiderosi di lavorare sulle relazioni con le nazioni balcaniche. Mentre la visita di Erdogan ha riportato i Balcani sotto i riflettori momentaneamente, è improbabile che gli interessi a lungo termine della Turchia saranno rafforzati.

Il rafforzamento dei legami con la Serbia è, senza dubbio, un premio per la Turchia, in un momento in cui la dottrina unica di “problemi zero con i vicini” è stata a lungo dimenticata. Ma non riescono ad essere un commutatore di gioco per Ankara o per i Balcani occidentali.

Tra le altre cose, Erdogan ha affermato che la Serbia possa ricevere gas dal Turkish Stream entro il 2019. Intervistata da Sputnik, l’esperta di energia Jelica Putnikovic ha precisato che Belgrado deve ancora trovare i soldi per la costruzione di un gasdotto che collegherebbe il paese con la Bulgaria, e che non è chiaro quanto questo costerà.

“Sarebbe bello se la Turchia fosse interessata a finanziare la costruzione del tratto bulgaro. Ankara vuole certamente ricevere il più possibile per il transito del gas attraverso il territorio turco. Maggiori sono le forniture di gas, maggiori saranno le entrate per la Turchia”.

Secondo Putnikovic, la costruzione di gasdotti riveste importanza economica e politica, ecco perché il progetto del Turkish Stream potrebbe contribuire alla normalizzazione delle relazioni tra gli stati balcanici.

Le fa eco l’ex diplomatico serbo Srecko Djukic, che ha dichiarato a Sputnik che Ankara vorrebbe che il Turkish Stream raggiungesse il centro d’Europa: “tutto dipende attualmente dall’atteggiamento dell’UE e degli Stati Uniti verso questo progetto”. Djukic ha aggiunto che i negoziati a Bruxelles sono “estremamente necessari” perché “è sempre più chiaro che l’Europa centrale sta considerando la costruzione del gasdotto Nord Stream 3”.

“In questo caso, i Balcani potrebbero rimanere senza gas. Si tratta di un problema serio, e già ci si chiede come fornire calore per l’inverno. La gente letteralmente si reca nei boschi, taglia la legna e accendere il fuoco come se la seconda guerra mondiale sia appena finita”.

Djukic ha anche affermato che la Turchia potrebbe almeno parzialmente finanziare la parte europea del Turkish Stream nonostante le relazioni tese tra l’UE e Ankara.

In questo senso, ha ricordato che Bruxelles ha impedito una volta che il gas russo fosse trasportato ai consumatori balcanici attraverso il gasdotto South Stream.

“È una grande interrogativo se il consorzio che costruierà i gasdotti sul territorio bulgaro inviterà la Turchia ad aderire al progetto. Non è ancora chiaro se Ankara accetterà questa forma di cooperazione”, ha concluso Djukic.

Il progetto Turkish Stream è stato annunciato dal Presidente russo Vladimir Putin durante la sua visita statale in Turchia alla fine del 2014. Il progetto è stato sospeso nel novembre 2015, quando un velivolo russo è stato abbattuto da un caccia F-16 turco in Siria. Tuttavia, un disgelo nei rapporti tra Mosca e Ankara è iniziata lo scorso giugno dopo le scuse della Turchia alla Russia. Nel mese di ottobre 2016, Mosca e Ankara hanno firmato un accordo intergovernativo che prevede la costruzione di due tratti subacquei del gasdotto turco gas nel Mar Nero. La capacità annuale di ogni tratto dovrebbe raggiungere i 15,75 miliardi di metri cubi di gas naturale. I lavori di posa per la tubazione dovrebbero terminare alla fine del 2019.

(Dimitar Bechev, Al Jazeera, Sputnik, 12.10.2017)

http://www.aljazeera.com/indepth/opinion/erdogan-balkans-neo-ottoman-quest-171011094904064.html

https://sputniknews.com/analysis/201710121058164607-turkey-serbia-turkish-stream-gas-pipeline/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in gas naturale, Russia, Turchia
erdogan
Erdogan in Serbia: si scatena la satira

Turchia
Serbia e Turchia firmano 12 accordi interstatali per la cooperazione

Close