Nell’ultimo anno soddisfatte il 41% delle esortazioni degli investitori stranieri per il miglioramento dell’imprenditorialità in Serbia

Nell’ultimo anno, su 513 esortazioni messe nel Libro bianco del 2018, lo Stato ha soddisfatto il 41% delle richieste degli investitori stranieri in merito al miglioramento dell’ambiente imprenditoriale in Serbia.

Secondo la valutazione del “Foreign Investors Council” (FIC) e il parere espresso nel nuovo Libro bianco 2019, i maggiori progressi in Serbia sono stati compiuti con l’approvazione della legge notarile, nei settori del petrolio e del gas, del tabacco e dei trasporti, nonché con l’adozione della legge sulle commissioni d’uso dei beni pubblici, nel dicembre dello scorso anno.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il vicepresidente del Consiglio degli investitori esteri in Serbia, Dejan Turk, ha detto a “Tanjug” che il governo ha definito i consigli degli investitori stranieri come importanti per migliorare ulteriormente l’economia del Paese.

Il “FIC” nel suo nuovo Libro bianco 2019, che sarà presentato formalmente oggi, insiste ancora su tre settori molto importanti in cui è necessario proseguire le riforme per accelerare i negoziati di adesione con l’UE, migliorando così l’intera regolamentazione delle imprese.

Sono fondamentali la prosecuzione delle riforme strutturali e il miglioramento del livello di consolidamento fiscale raggiunto, la risoluzione dei problemi di privatizzazione delle imprese pubbliche e la corporativizzazione delle imprese statali.

Il Consiglio degli investitori stranieri ha introdotto nel 2017 la pratica di classificare i progressi economici nell’indice “FIC”. Finora, secondo questi criteri, lo Stato ha attuato in media un terzo degli inviti. Quest’anno, sottolinea Turk, con il 41% delle raccomandazioni soddisfatte si è aumentata la percentuale del 7%.

“Ciò significa che abbiamo compiuto progressi significativi rispetto al precedente Libro bianco”, afferma Turk, sottolineando l’importanza di collaborare con il governo e i membri del FIC per attuare le raccomandazioni degli investitori stranieri.

“Collaborare con lo Stato è importante per gli investitori stranieri perché le loro aziende, afferma lo stesso, apportano non solo denaro e posti di lavoro, ma anche nuove conoscenze e tecnologie nel Paese, oltre a lavori basati sull’etica e il corporativismo.

La posizione degli investitori stranieri dichiarata nel Libro bianco 2019 è che le leggi approvate devano essere applicate in modo più significativo nella pratica, e soprattutto, ciò che è importante per le società, in modo maggiore nel campo della fiscalità e della gestione dei servizi di ispezione.

L’attenzione del FIC continuerà a essere su nove settori che necessitano di riforme più rapide. Questi sono, secondo Turk, i settori della fiscalità, del lavoro, della digitalizzazione e del commercio elettronico, dell’immobiliare e delle costruzioni, delle ispezioni del lavoro, della sicurezza alimentare, dell’industria farmaceutica, nonché sul quadro giuridico generale con particolare attenzione al fallimento e alle leggi sui cambi.

Le società membre del FIC, ricorda Turk, hanno finora investito oltre 35 miliardi di euro in Serbia e impiegano circa 100.000 lavoratori. Il governo serbo ha formato un gruppo nel settembre di quest’anno per attuare i moniti del Libro bianco del Consiglio degli investitori stranieri, guidato dal primo ministro Ana Brnabic.

http://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/za-godinu-dana-ispunjeno-41-odsto-preporuka-stranih-investitora_1066180.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... FIC, investitori stranieri, Libro Bianco
doing business
In 10 anni l’80% dei sussidi statali a investitori stranieri

Il governo formerà una task force per attuare le raccomandazioni degli investitori stranieri

Chiudi