Nel 2018 in Serbia sono stati investiti 3 miliardi di euro

Secondo i dati statistici, la Serbia nel 2018, ha riscosso circa tre miliardi di euro di investimenti esteri diretti.

Nella regione dei Balcani occidentali, la Serbia ha il maggior successo nell’attrarre investitori stranieri perché avere investitori da 103 paesi del mondo “è un grande successo”, stima l’economista Miroslav Zdravkovic.

Secondo le sue parole, i paesi come la Somalia, il Kurasao, la Repubblica Democratica del Congo e la Costa d’Avorio, pur avendo investito poco in Serbia, i loro investimenti si stanno sviluppando ad una velocità tale da accelerare la crescita economica della Serbia.

“Se osserviamo invece dall’alto la lista degli investitori, tra i primi 20 l’aumento più rapido degli investimenti è stato registrato dagli investitori Montenegrini. Il Cipro si è classificato al terzo posto il che dimostra due cose importanti: la prima è che non tutti gli investitori sono stranieri, ci sono anche quelli nazionali, che si aspettano che i tribunali esteri e quelli nazionali li proteggano meglio. La seconda cosa importante è che la crescita degli investimenti di solo 34% sta crescendo più lentamente in Serbia rispetto agli stranieri originari. Ora, forse Cipro ha re-registrato le società nei Paesi Bassi o in qualche altro paese perché, nel mondo dei capitali stranieri, questo esiste”, ha valutato Zdravkovic.

Egli afferma che la Serbia è interessante anche agli investitori dei paesi limitrofi. Ciò conferma la crescita degli investimenti croati – 2,7 volte aumento di capitale, degli investimenti dall’Ungheria – 2,4 volte, dalla Bulgaria – 5 volte, dalla Bosnia – 20 volte, dalla Macedonia – 3 volte e dall’Albania – 4,7 volte. Va sottolineato che fino al 2011 non c’è stato un singolo investimento dall’Albania.

Per Zdravkovic, l’unica sorpresa è che i giapponesi hanno investito solo 1,3 milioni di dollari in Serbia. Paragonando le dinamiche della Serbia nell’attirare investitori stranieri, di 193 paesi del mondo la Serbia è al 71° posto.

“Investimenti dai paesi sloveni – dalla Polonia, dalla Repubblica Ceca e dalla Slovacchia – che sono al 29°, 31° e 32° posto a livello di investimenti, dimostrano che questi paesi hanno dovuto prima svilupparsi con capitale straniero e solo allora hannno potuto diffondere i loro investimenti in altri paesi. La Polonia ha aumentato il suo investimento di 17,6 volte, la Repubblica Ceca di 27,7 volte e la Slovacchia di 34,3 volte”, ha detto Zdravkovic.

https://www.dnevnik.rs/ekonomija/naslovi/najuspesnija-u-regionu-u-srbiju-lane-ulozene-tri-milijarde-evra-16-02-2019?fbclid=IwAR1-NT95GEA9aNT79dtme5ecijmts64DUQv8s8_RegoUSOnHGDBZCVYdev0

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top