Nel 2014 esportazioni cresciute più delle importazioni

Il totale del commercio estero della Serbia nel 2014 è stato pari a 35,45 miliardi di dollari, ovvero 26,65 miliardi di euro, ovvero lo 0,8 % rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, viene comunicato dall’Istituto di Statistica della Repubblica di Serbia.

Le esportazioni sono ammontante a 11,15 miliardi di euro, pari all’1,5% in più  rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Le importazioni hanno registrato un valore complessivo di 15,49 miliardi di euro, con un incremento dello 0,2 % rispetto allo stesso periodo dell’ anno scorso, con il deficit pari a 5,76 miliardi di dollari (4,33 miliardi di euro), ovvero il 3% in meno rispetto al 2013, si legge nel comunicato.

Il rapporto tra esportazioni ed importazioni è arrivato al 72%, in miglioramento rispetto al 2013 quando era al 71,1%.

Ragionando in base alle regioni, si nota che il contributo più importante alle esportazioni lo ha dato la Vojvodina (33,5%), seguita dalla Sumadija e Serbia occidentale (31,3%), quindi la regione di Belgrado (21,6%) e infine la Serbia medionale e orientale (13,5%).

La regione di Belgrado è la prima a contribuire alle importazioni con il 42,8% del totale, segue la Vojvodina con il 29,6%, la Sumadija e la Serbia occidentale con il 18,2% e il sud est del paese con appena l’8,8%.

Quanto alle esportazioni, i principali partner commerciali esteri sono stati: l’Italia (2,57 miliardi di dollari), la Germania (1,77 miliardi di dollari), la Bosnia ed Erzegovina (1,31 miliardi di dollari), la Russia (1,02 milardi dollari) e la Cina (829 miloni di dollari).

Dal lato delle importazioni, i principali partner commerciali esteri sono la Germania (2,42 miliardi di dollari), la Russia (2,34 miliardi di dolari), l’Italia (2,30 miliardi di dolari), la Cina (1,56 miliardi di dolari) e l’Ungheria (1,01 miliardi di dolari). I Paesi membri dell’Unione europea costituiscono il 63,7 % del totale degli scambi.

Le merci più importate sono state, nell’ordine, il ferro e l’acciaio, il carbone, la frutta e la verdura, mentre quelli più esportate sono state i veicoli stradali, le macchine elettriche e apparecchiature, i cereali e i loro prodotti, la verdura e la frutta, nonché l’abbigliamento, il petrolio e i suoi derivati, il gas naturale, le macchine elettriche e apparecchiature, come anche i prodotti medici e quelli farmaceutici.

(Tanjug, 15.07.2015)

http://www.tanjug.rs/full-view.aspx?izb=189552

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top