Negli ultimi 8 anni la Serbia ha perso una città delle dimensioni di Novi Sad

Dall’inizio del governo del Partito progressivo serbo (SNS), la Serbia ha perso una città delle dimensioni di Novi Sad. I dati “Eurostat” mostrano che 347.623 persone hanno ottenuto un visto di soggiorno in un Paese straniero negli ultimi 8 anni, numero che potrebbe essere raddoppiato, tenendo presente che circa lo stesso numero di cittadini lavora “in nero”. I cittadini della Serbia vanno principalmente in Germania e Croazia.

Il Paese in cui i serbi vanno più spesso è, ovviamente, la Germania. Nel solo 2021, su circa 44.000 cittadini serbi, ben 16.840 hanno ricevuto per la prima volta un permesso di soggiorno in Germania. La Croazia è la seconda della lista.

Miloš Turinski di “Infostud” afferma che secondo un sondaggio dell’anno scorso sono le persone di età compresa tra i 25 e i 40 anni a lasciare per lo più la Serbia. “La Croazia e la Slovenia sono più attraenti nella stagione estiva, quando tutti si riversano in massa sulla costa per guadagnare meglio, anche se alcuni poi rimangono lì”. Lui aggiunge che il maggior numero di annunci di lavoro all’estero è stato registrato nel 2018 e nel 2019 e poi c’è stato un declino a causa della crisi economica e sanitaria globale nel mondo.

Secondo l’esperto, i lavori più richiesti sono quelli di autisti e cuochi, seguiti da ingegneri civili, camerieri, ingegneri meccanici, elettricisti, medici e infermieri. Turinski afferma che nello stesso sondaggio “su 5.500 intervistati, ben l’83% prevedeva di lasciare il Paese”. “Tra i motivi dell’abbandono spicca la volontà di vivere in un sistema organizzato, la possibilità di avere un reddito migliore e di stare in un ambiente sociale più sano”, afferma Turinski.

U ove dve zemlje Srbi masovno beže trbuhom za kruhom

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top