NBS mantiene il tasso di interesse di riferimento al 4%

Il Comitato esecutivo della Banca Nazionale di Serbia (NBS) ha deciso di mantenere il tasso di interesse di riferimento al 4%, a seguito di una valutazione dei rischi connessi con l’allentamento della politica monetaria, e considerando che, a partire dall’inizio del 2017, l’inflazione nella regione è stata pari al 3% (+/- 1.5), livello che si prevede manterrà nei prossimi anni.

Il mese scorso, la banca ha citato pressioni provenienti dall’estero che potrebbero spingere gli investitori a rifuggire dai mercati emergenti, compreso l’aumento eventuale dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, in ragione di assicurazione un tasso costante. Anche se ha tentato di operare dei tagli dei tassi l’anno scorso, il Fondo monetario internazionale, che ha un accordo di tre anni di prestito con la Serbia per 1,2 miliardi di euro, ha mutato la sua posizione nel 2017, sostenendo che le prospettive dipendono da sviluppi esterni.

In un comunicato, la banca ha comunicato che l’inflazione e le incertezze derivanti dai mercati finanziari e delle materie prime a livello mondiale sono stati i motivi principali che hanno motivato la decisione di lasciare invariato il tasso. “La divergenza delle politiche monetarie delle principali banche centrali probabilmente sarà ulteriormente aumentata dalla fine dell’anno ed aumenterà quindi, di conseguenza, l’incertezza sul loro impatto sui flussi di capitale globali”.

Il dinaro ha perso il 0,4% contro la moneta comune finora quest’anno, spingendo la banca centrale a vendere un totale di 330 milioni di euro per sostenerlo. L’inflazione è salita al 3,2% nel mese di febbraio, rispetto al 2,4% del mese precedente, raggiungendo il centro del margine previsto per il 2017, pari al 1,5-4,5%. Nel comunicato, la banca sostiene che l’aumento dell’inflazione rappresenta un fenomeno stagionale e relativo al recupero dei prezzi mondiali del petrolio e all’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli a causa dell’inverno eccezionalmente freddo.

(New Economy, NASDAQ, 14/03/2017)

http://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/nbs-odlu%C4%8Dila-da-zadr%C5%BEi-referentnu-kamatnu-stopu-na-nivou-od-%C4%8Detiri-odsto

http://www.nasdaq.com/article/serbias-central-bank-keeps-benchmark-rate-at-4-percent-20170314-00457

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... inflazione
Prezzi in Serbia: aumento dell’1,4% a gennaio 2017

Incremento dell’attività economica del 2,74% rispetto al 2015

Chiudi