NALED: “Un ostacolo chiave per gli innovatori in Serbia è il finanziamento”

“Uno dei principali ostacoli per gli innovatori in Serbia è il finanziamento, soprattutto nella fase iniziale dello sviluppo di prodotti o servizi”, ha annunciato l’Alleanza nazionale per lo sviluppo economico locale (NALED). Più di 100 innovatori hanno fornito delle indicazioni su come migliorare l’ecosistema dell’innovazione in tre tavole rotonde organizzate a Nis, Novi Sad e Belgrado.

L’analisi dello stato dell’innovazione e del processo di trasformazione digitale, presentata dall’agenzia “NALED” durante il “Mese dell’innovazione”, mostra che l’investimento di bilancio della Serbia in ricerca e sviluppo dello 0,89% del prodotto interno lordo (PIL) è due volte e mezzo inferiore alla media dell’Unione Europea (UE), dove l’investimento di bilancio è del 2,19%.

Gli investimenti del settore privato, che rappresentano solo lo 0,36% del PIL, sono anche la metà di ciò che il settore privato investe nei nuovi Stati membri dell’UE e 1/4 degli investimenti a livello dell’UE. “A causa di ciò, ma anche di informazioni insufficienti, 9 innovatori su 10 in Serbia autofinanziano il loro prodotto o servizio innovativo e fino all’80% di loro non richiede i programmi di supporto, mentre solo l’1% utilizza fonti di finanziamento alternative”.

Come soluzione a questo problema, si propone di aumentare gli investimenti di bilancio, aumentare il numero di fondi disponibili per il finanziamento in una fase iniziale di sviluppo, principalmente attraverso sovvenzioni, nonché un ruolo maggiore dello Stato nel ridurre il rischio di investimento per fonti alternative di finanziamento tramite co-investimento o sistemi di garanzia.

“NALED” afferma che ci sono margini di miglioramento nel campo della cooperazione tra scienza ed economia, perché i dati mostrano che la popolazione dei ricercatori in Serbia è due volte più piccola della media dell’UE ed è principalmente concentrata nell’istruzione superiore, mentre il settore privato impiega solo il 2% dei ricercatori in Serbia, rispetto al 46% nell’UE.

“Solo il 3% degli innovatori aziendali ha sviluppato innovazione in collaborazione con la comunità accademica. Affinché la Serbia diventi competitiva con i Paesi sviluppati, si raccomanda di premiare tutte le forme di cooperazione accademica con l’economia, di introdurre dottorati industriali modellati sui Paesi leader nel campo dell’innovazione, nonché corsi di tecno-imprenditorialità presso facoltà tecniche”, ha dichiarato l’agenzia sottolineando l’importanza di difendere l’innovazione.

Le analisi mostrano che solo il 2% degli innovatori in Serbia ha richiesto un brevetto e che il numero di brevetti registrati per milione di abitanti  è 50, cioè quasi 5 volte inferiore alla media UE, dove è di 230.

NALED: Inovatorima u Srbiji ključna prepreka finansiranje

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top