NALED: “Più aziende aperte che chiuse nella prima metà del 2020”

Nonostante lo stato di emergenza e la crisi economica, l’economia serba ha superato con successo la prima ondata di Covid-19 nei primi sei mesi di quest’anno, poiché il numero di nuove società è aumentato di 6.313 unità rispetto al numero di quelle che hanno chiuso, ha affermato l’Alleanza nazionale per lo sviluppo economico locale (NALED).

Un totale di 18.214 nuove società sono state registrate e 11.811 sono state chiuse nei primi sei mesi del 2020 indipendentemente dalla pandemia e dallo stato di emergenza, ha sottolineato “NALED” nel suo rapporto semestrale scritto con il supporto del GiZ tedesco e della Segreteria di Stato per le politiche pubbliche. Il rapporto, basato sui dati raccolti dall’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia dei Registri delle Imprese, afferma che nel Paese erano attive 389.644 aziende e piccole imprese.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“La pandemia da coronavirus ha causato un calo dell’attività economica”, si legge nel comunicato e ha aggiunto che il numero di nuove società aperte nei primi sei mesi del 2020 è stato quasi il 20% inferiore rispetto allo stesso periodo negli ultimi cinque anni, mentre il numero di aziende che hanno chiuso è diminuito di quasi il 10%.

Il rapporto afferma anche che quasi 25.000 piccole imprese, che impiegavano quasi 17.300 persone, sono state temporaneamente chiuse nel periodo osservato e la maggior parte di esse (10.000) a marzo. Il rapporto prosegue mostrando che i posti di lavoro in queste aziende non sono andati necessariamente persi, poiché la maggior parte delle piccole imprese ha chiuso solo durante lo stato di emergenza.

“Ad aprile, al culmine dell’epidemia, sono state fondate 864 aziende, una cifra quattro volte inferiore alla media di aprile dei cinque anni precedenti. A maggio, quel numero era leggermente superiore, e a giugno hanno aperto 5.365 società, un record negli ultimi cinque anni”, mostra il rapporto.

Secondo Jelena Bojović, direttrice per la riforma normativa del “NALED”, le tendenze statistiche di cui sopra sono il risultato dell’allentamento delle misure anti-coronavirus e della graduale apertura dell’economia.

La relazione semestrale ha inoltre evidenziato che tra le società di nuova costituzione, sono 180 quelle avviate da nuovi imprenditori, i quali hanno intrapreso l’attività grazie al programma “Start Legally”, che prevede l’esenzione fiscale nel primo anno di attività.

http://rs.n1info.com/Biznis/a635923/NALED-U-prvoj-polovini-2020.-u-Srbiji-otvoreno-vise-firmi-nego-sto-je-zatvoreno.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in aziende aperte, aziende chiuse, coronavirus, NALED
Il coronavirus ha ridotto le vendite di veicoli nuovi, ma sono in aumento gli usati

PIL
I dati del PIL in Serbia nel secondo trimestre

Close