NALED: “L’epidemia e l’insufficiente prontezza delle istituzioni hanno rallentato le riforme”

L’Alleanza Nazionale per lo Sviluppo Economico e Locale (NALED) ha dichiarato nel nuovo “Libro grigio” sulle raccomandazioni per migliorare le condizioni per fare affari in Serbia, che l’anno scorso su 100 moniti proposti solo 2 sono stati attuati integralmente e 11 in parte.

Come affermato, questo rallentamento è in gran parte dovuto alla situazione di emergenza causata dalla pandemia da coronavirus, ma le ragioni principali del ritardo, dell’attuazione lenta e parziale delle raccomandazioni sono ancora la disponibilità insufficiente delle istituzioni e la limitata capacità professionale e tecnica di svilupparle e attuarle.

È stato inoltre valutato che la pandemia ha dimostrato che un gran numero di procedure amministrative possono e devono essere trasferite nel mondo digitale. Di 29 raccomandazioni, il Ministero delle Finanze non ne ha risolte 24, mentre i Ministeri dell’agricoltura e dell’economia non ne hanno risolte nessuna.

Tuttavia, la maggior parte delle raccomandazioni risolte o parzialmente risolte, cinque di esse, erano di nuovo sotto la giurisdizione del Ministero delle finanze.

Nel 2020 è stato istituito un portale funzionale degli appalti pubblici elettronici, ma è stata adottata anche la tanto attesa Legge sulla fiscalizzazione, che ha annunciato l’espansione della fiscalizzazione e l’introduzione di moderne soluzioni software per l’elaborazione dei dati e le comunicazioni dell’Amministrazione Finanziaria con i registratori di cassa fiscali sull’esclusivo sistema “eFaktura”, si legge nel 13° “Libro grigio”, alla cui presentazione sarà presente oggi la Premier Ana Brnabić.

Inoltre, i cittadini non devono più provare il pagamento delle spese per la giustizia, tenendo presente che esiste il sistema centrale della loro riscossione, sebbene per la maggior parte delle restanti spese amministrative siano comunque obbligati a presentare i versamenti agli sportelli.

Inoltre, l’onere degli stipendi ha continuato a ridursi, anche se ancora in modo insignificante, e sono stati introdotti nuovi servizi elettronici sul portale “ePorezi”.

Una delle raccomandazioni implementate lo scorso anno è stata l’introduzione della consegna elettronica delle soluzioni catastali nelle caselle di posta elettronica dei cittadini sul portale “eUprave”, che, insieme alla risoluzione della consegna per posta e all’ottenimento degli elenchi immobiliari tramite dei notai, rappresenterà un sollievo burocratico per circa 500.000 cittadini che si occupano di immobili ogni anno.

Anche il Ministero della Salute ha contribuito alle statistiche positive risolvendo parzialmente le raccomandazioni dell’agenzia “NALED”, lavorando a un piano per l’ottimizzazione della rete delle istituzioni sanitarie e risolvendo il problema dei debiti delle farmacie statali, del Ministero del Commercio, del Turismo e delle Telecomunicazioni e del Ministero dell’amministrazione statale e dell’autogoverno locale, dall’istituzione di un registro centrale della popolazione fino alla consegna elettronica “eDostave”.

Tra le raccomandazioni completamente risolte e adottate c’è l’introduzione di una procedura e di un portale per gli appalti pubblici elettronici.

Inoltre, è stato formato un gruppo di lavoro per espandere la portata delle procedure di registrazione semplificate per i lavoratori stagionali in settori come l’edilizia, il turismo e l’aiuto domiciliare, e la Banca nazionale di Serbia ha contribuito lavorando sulla semplificazione delle procedure per l’assegnazione dei crediti.

Il “Libro grigio” ricorda che nel 2020, subito dopo la dichiarazione dello stato di emergenza a causa della pandemia da coronavirus, la “NALED” aveva annunciato una serie di 10 misure prioritarie a sostegno dell’economia, e poi decine di raccomandazioni settoriali.

Di queste 10 misure, sono state introdotte quelle relative alla possibilità del pagamento differito di tasse e contributi senza addebito di interessi, fornendo accesso a prestiti economici o senza interessi per fornire liquidità e passività di rifinanziamento, al pagamento di un sostegno finanziario diretto all’economia, all’introduzione di un moratoria di almeno tre mesi per rimborsare i prestiti alle banche e tutte le tasse statali.

La maggior parte delle raccomandazioni sono per il Ministero delle finanze (28), seguito dai Ministeri dell’economia, della salute e dell’agricoltura (7 ciascuno), dal Ministero della giustizia e della protezione ambientale (6 ciascuno) e dalla Banca nazionale di Serbia (4), mentre un quinto delle raccomandazioni sono congiuntamente per più istituzioni.

NALED: Epidemija i nedovoljna spremnost institucija u Srbiji usporili reforme

Share this post

scroll to top
Altro... Libro grigio, NALED
L’inquinamento atmosferico in Serbia è fino a 20 volte superiore a quello dei Paesi UE

NALED: “Per metà degli appalti un solo offerente, 1/5 senza offerte”

Chiudi