NALED: “In Serbia si riscuotono 150 miliardi di dinari di entrate non fiscali”

I cittadini e l’economia in Serbia pagano annualmente circa 150 miliardi di dinari di entrate non fiscali, tasse e imposte, di cui almeno 10 miliardi sono importi ingiustificatamente riscossi, i cosiddetti prelievi parafiscali, si è detto ieri alla presentazione del “Mese della parafiscalità”, organizzata dall’Associazione Nazionale per lo Sviluppo Economico Locale (NALED).

Ci sono quasi 500 leggi e statuti in Serbia, che prescrivono circa 1.200 diversi dazi non fiscali della Repubblica, mentre a livello locale sarebbero oltre 400.

Come ha sottolineato Jelena Bojović di “NALED”, è necessario istituire un registro pubblico di tutte le entrate non fiscali, che garantisca la trasparenza, poiché ora non si sa chi prescrive tutti i tributi, quali siano, quanto si addebita a loro e se sia giustificato.

Secondo lei, l’idea di “NALED” è che il registro pubblico sia decentralizzato, cioè che ogni organismo che prescrive una tassa o un canone abbia accesso a quel registro e sia obbligato a iscrivere nel registro ciascuna delle tasse previste, a condizione che possa addebitarle.

Chi paga i tributi dovrebbe ottenere il diritto di utilizzare un bene pubblico, mentre le tasse sono importi per i quali si dovrebbe ottenere un servizio pubblico e dovrebbero costare quanto il costo effettivo della fornitura di quel servizio o meno. Tuttavia, in Serbia, accade spesso che si paghino “tasse” e che non si ottenga alcun bene pubblico pagandole, cioè che le tasse vengano addebitate più dei costi effettivi per cui sono prescritte.

“Si tratta dei prelievi parafiscali, cioè di imposte occulte. È il caso di tutte le “tasse energia”, come la tassa per il miglioramento dell’ambiente, per il miglioramento dell’efficienza energetica, per le riserve petrolifere, nei casi in cui per esempio la tassa amministrativa della Repubblica e la tassa locale sono addebitate per lo stesso servizio, e così via”. “NALED” organizzerà questo mese una serie di tavole rotonde sul tema della riforma delle entrate non fiscali.

https://www.danas.rs/ekonomija/za-neporeske-namete-dajemo-150-milijardi-godisnje/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top