NALED: “In Serbia, 1.200 tasse nazionali e circa 100 tasse amministrative locali”

“In Serbia, il sistema fatto di 1.200 imposte, tasse e altri tributi parafiscali a livello nazionale e circa 100 imposte amministrative locali (LAT), oltre a un gran numero di altri tributi locali non fiscali, non è regolamentato né trasparente, ed è quindi importante sia per i cittadini che per l’economia creare un registro pubblico unico di tutti i tributi non fiscali”, ha affermato la responsabile del progetto dell’Alleanza nazionale per lo sviluppo economico locale (NALED), Jelena Rancic.

La Rancic ha detto che questi tributi non fiscali a livello nazionale sono prescritti in circa 200 leggi e 270 statuti, mentre nelle autonomie locali sono prescritti in oltre 400 diverse decisioni sulla LAT, sulle tasse sui servizi locali (LKT), sulle decisioni sull’importo dei contributi per la regolazione dei terreni edificabili e decisioni delle aziende di pubblica utilità.

Lo dimostrano le ricerche e le analisi svolte da “KPMG” e “NALED” attraverso il Progetto per la riforma delle imposte non tassate, insieme alla “Partner Solutions” e all’Istituto “Mihajlo Pupin”, finanziato dall’Agenzia americana per Sviluppo internazionale.

“Proponiamo la creazione di un registro pubblico ed elettronico di tutti i tributi non fiscali a carico di cittadini e imprese, consentendo alle amministrazioni pubbliche di iscriversi in modo semplice e sistematico all’albo dei tributi non fiscali di loro competenza, considerando che la non iscrizione di un tributo significa automaticamente che non può essere riscosso. Tenendo presente che la struttura dei tributi non fiscali è dominata dalle tasse, l’iscrizione nel registro dovrebbe iniziare con esse”, afferma l’analisi.

Le amministrazioni locali addebitano un gran numero di dazi non fiscali che spesso non sono trasparenti, non sono sufficientemente sistematizzati e l’importo del corrispettivo per lo stesso servizio varia. L’importo del corrispettivo, come lei stessa ha affermato, deve essere adeguato ai costi di prestazione di un servizio pubblico e deve essere un importo fisso e non determinato in percentuale rispetto alla base variabile.

Secondo la Rancic, la tassa non può essere addebitata per il rilascio di una prova o per qualsiasi dato che un ente statale ottiene d’ufficio da un altro ente statale. L’importo medio delle tasse nel campione delle 15 unità di amministrazione locale prese in esame è di circa 7.500 dinari, nelle città di circa 3.850 dinari e nei comuni di 8.350 dinari.

L’importo più alto viene pagato per procedure e atti nel campo del rispetto delle condizioni per lo svolgimento delle attività, circa 40.500 dinari (per inserire il nome di una città o del comune a nome di un ente commerciale) per urbanistica ed edilizia circa 17.000 dinari, mentre l’importo medio più basso è per l’iscrizione e il rilascio di un certificato dal registro, circa 800 dinari.

Il numero di tasse varia tra le amministrazioni locali da 10, tante quante ce ne sono nel comune di Ruma, a 144 nel comune di Knjaževac. Il maggior numero di tasse si trova nel campo dell’urbanistica e delle costruzioni (36%), il 28% si riferisce a interpretazioni, pareri, spiegazioni, rimedi legali e il 10% è nel campo dei trasporti.

https://www.danas.rs/ekonomija/naled-u-srbiji-1-200-republickih-i-oko-100-lokalnih-administrativnih-taksi/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top