Moody’s migliora il rating del debito serbo

L’agenzia internazionale di valutazione del credito Moody’s ha migliorato da “stabile” a “positivo” il giudizio sulle prospettive della capacità di credito della Serbia sia in valuta locale che estera, confermando una valutazione del merito di credito del paese a B1, ha comunicato la Banca di Serbia.

Secondo Moody’s al miglioramento del giudizio hanno contribuito soprattutto i risultati del programma di consolidamento fiscale, l’implementazione delle riforme strutturali, il miglioramento del quadro di riferimento istituzionale e le migliori prospettive dell’economia.

Moody’s ha anche stimato che il deficit del bilancio statale del 2015 sarà del 3,8%, ben al di sotto di quanto era stato concordato con il Fondo Monetario Internazionale. Per l’anno in corso ci si aspetta un ulteriore miglioramento del deficit di bilancio grazie al completamento delle riforme strutturali e alla continuazioen delle misure di consolidamento fiscale. Secondo le valutazione dell’agenzia di valutazioen del credito nel 2015 la crescita economica del paese è stata migliore del previsto, trainata dagli investimenti, dinamica che si prevede proseguirà anche nei prossimi anni.

Il proseguimento della politica di riduzione degli squilibri interni ed esterni potrebbe portare in futuro anche a un miglioramento della valutazione complessiva del paese. Si sono raggiunti risultati positivi nel contenimento degli squilibri nella bilancia dei pagamenti e ci si aspetta che tale defcit venga coperto interamente dagli investimenti esteri.

Moody’s ha anche costatato che la Banca di Serbia ha condotto un’analisi sulla qualità degli asset bancari e che ad agosto 2015 ha adottato una strategia per la risoluzione dei crediti problematici.

(Vecernje Novosti, 19.03.2016)

Share this post

scroll to top
Altro... Banca di Serbia, bilancio statale, deficit di bilancio, Moody's
In due mesi Belgrado ha incassato 90 milioni di euro dal turismo

I dazi doganali riempiono metà delle casse statali

Chiudi