Mogherini: l’Unione europea non cede sulle riforme in cambio di un accordo con il Kosovo

Il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini, ha contestato le dichiarazioni secondo le quali “l’Unione europea cede per quanto riguarda l’implementazione delle riforme interne della Serbia a fronte della disponibilità di Belgrado a risolvere la questione di Kosovo”. 

“La Serbia dovrebbe realizzare il proprio programma di riforme. Questo è importante per il suo progresso verso l’Unione europea. Il governo serbo è stato chiaro relativamente alla sua ambizione di migliorare la situazione economica del paese. Le riforme economiche, sociali e politiche dovrebbero essere realizzate senza differimenti ulteriori”, ha detto la Mogherini per il quotidiano “Danas”.

Oggi la Mogherini arriva nella sua prima visita a Belgrado in qualità dell’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Si incontrerà con i più alti rappresentanti della Repubblica di Serbia.

“Il mio messaggio sarà chiaro: la Serbia dovrebbe persistere sulla sua strada verso l’Ue, però dovrebbe anche implementare quanto prima le riforme. L’Unione europea vorrebbe che i capitoli negoziali siano aperti quanto prima. Con la volontà politica, mostrata già dalla Serbia, questo si può realizzare”, ha detto la Mogherini.

L’alto rappresentante dell’Ue ha ricordato che l’obiettivo strategico della Serbia è l’adesione all’Ue, fatto riaffermato nuovamente dal primo ministro serbo, Aleksandar Vucic in occasione della visita a ottobre dell’anno scorso del presidente russo, Vladimir Putin.

Quando si tratta dei rapporti tra Belgrado e Pristina, la Mogherini ha aggiunto che si aspetta che ambedue le parti normalizzino queste relazioni.”In questo senso, bisogna trovare le soluzioni per molte questioni aperte. L’approccio europeo è la soluzione dei problemi con il dialogo e le trattative, e uno degli obiettivi è avvicinare Belgrado e Pristina all’Unione europea”, dice Mogherini.

Alla domanda se è possibile aprire il primo capitolo negoziale nel processo di adesione a settembre, Federica Mogherini ha risposto che la Serbia lo ha meritato. “La Serbia ha mostrato un forte impegno implementando riforme difficili. Sta proseguendo in una lunga strada verso la normalizzazione dei suoi rapporti con il Kosovo. Questo è molto importante per la stabilità nella regione. La velocità del svolgimento delle trattative dipende dai progressi nei settori più importanti, cioè il sistema giudiziario e l’applicazione degli accordi raggiunti a Brusseles”, ha spiegato la Mogherini.

Quanto alle affermazioni che la Serbia è “sulla linea di fuoco” tra Mosca e Washington e che gli Stati Uniti constringono l’Ue a essere conflittuali con la Russia, la Mogherini ha detto che l’Ue ha un atteggiamento cooperativo verso tutti i suoi vicini, inclusa la Russia.”Attualmente offriamo il nostro sostegno per risolvere pacificamente il conflitto in Ucraina, mentre la presidenza serba dell’OSCE ha un ruolo molto importante e costruttivo”, ha concluso Federica Mogherini.

(RTS, 27.03.2015.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top