Nuove misure a sostegno della lotta all’economia sommersa

La lotta all’economia sommersa rappresenterà una delle priorità del governo serbo anche il prossimo anno. A questo scopo, il governo ha adottato 68 diverse misure funzionali alla riduzione delle perdite dello stato a causa di operazioni commerciali illegali.

Il programma nazionale anti-economia sommersa mira a ridurre il suo impatto al 26,7% del PIL nazionale, le perdite di riscossione dell’IVA ad un 1/5, e il numero di lavoratori non registrati dal 24% al 17%.

Le misure principali che dovrebbero essere attuate nei prossimi mesi sono misure più severe per le persone coinvolte, incentivi agli imprenditori che avviano attività tramite l’esenzione dal pagamento di alcune imposte. Inoltre, il governo prevede di implementare un sistema di registrazione rapido e semplice per i lavoratori agricoli stagionali.

“Nei prossimi due anni, lavoreremo allo sviluppo di un sistema di riconoscimento consensuale di reati”, ha spiegato Dragan Ilic, coordinatore del gruppo di esperti per la repressione dell’economia sommersa nel governo della Serbia. “L’economia sommersa è ora inclusa nella nuova Legge sull’organizzazione delle autorità statali nella lotta contro la criminalità organizzata. La legge si applicherà a partire dal prossimo marzo e il commercio illecito sarà perseguito da ufficiali appositamente designati”, aggiunge Ilic.

Ilic aggiunge anche che il governo è consapevole del fatto che non c’è paese al mondo che non abbia assolutamente alcuna forma di economia sommersa, e che il vero problema è rappresentato dalla sua diffusione.

(Vecernje Novosti, 27.11.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:697957-68-mera-protiv-sive-ekonomije-Pocetnicima-postede

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Leggi articolo precedente:
16
Al Vertice 16+1 impulso a progetti infrastrutturali per 450 mln di euro

centrali
Centrali idroelettriche: impatto ambientale devastante nei Balcani

Chiudi