Miščević: “L’UE ammetterà nuovi membri solo se sottoposta a pressioni geopolitiche”

Il ministro serbo per l’Integrazione nell’UE, Tanja Miscevic, ha descritto l’allargamento dell’Unione europea (UE) come un processo geopolitico in continua evoluzione, sottolineando che non esiste un processo negoziale uniforme o una scadenza per l’adesione e che la Serbia ha fatto molto per creare lo spazio necessario per proseguire il suo percorso di adesione.

“L’UE in realtà non ama l’allargamento e accetta nuovi membri solo sotto pressione geopolitica. Il grande allargamento è avvenuto nel 2004 sulla scia di un grande cambiamento geopolitico, quando il mondo stava cercando di stabilire un nuovo equilibrio di potenze, che è più o meno il caso di oggi”, ha detto Miscevic alla conferenza From Big Enlargement to Quick Enlargement.

Il ministro ha inoltre affermato che non esiste un processo negoziale uniforme o una scadenza uniforme per l’ammissione e ha esortato gli Stati membri dell’UE a riconoscere le notevoli differenze del processo di allargamento odierno rispetto a quello del passato.

“Non bisogna dimenticare che il processo di adesione è sempre una decisione politica di tutti gli Stati membri, questo è e sarà sempre il caso. Quando c’è una buona volontà politica o un accordo politico, allora il percorso è pulito e chiaro e i problemi sono facilmente superabili”, ha detto il ministro.

Miscevic ha affermato che la politica di allargamento è in continuo cambiamento e adattamento e che la Commissione europea sta imparando dalla sua esperienza. “Oggi abbiamo una nuova metodologia, l’accento è posto sulla risoluzione delle questioni bilaterali prima dell’ammissione, e l’intero processo richiede troppo tempo”, ha detto Miscevic, la quale ha aggiunto che lo slancio politico esiste e che la Serbia ha fatto molto nel processo di integrazione europea, comprese le riforme del sistema giudiziario, le modifiche alla strategia dei media e l’adozione di leggi sui media, l’allineamento della politica dei visti e la cooperazione con l’ODIHR per migliorare i processi elettorali.

“Qualcuno deve chiarire cosa non ha fatto la Serbia”, ha detto il ministro Miscevic.

(NIN, 21.05.2024)

https://www.nin.rs/politika/vesti/49915/miscevic-eu-se-siri-pod-geopolitickim-pritiscima

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top