Ministra Mihajlovic: “Stiamo facendo di tutto per ridurre la dipendenza di gas dalla Russia”

“La Serbia sta attualmente facendo tutto il possibile per ridurre la sua dipendenza dalla Russia e ottenere nuovi fornitori di gas”. Lo ha dichiarato il vice primo ministro del governo serbo e Ministra dell’energia, Zorana Mihajlović.

In una dichiarazione ai giornalisti austriaci, la Ministra Mihajlovic ha affermato che la Serbia “è attualmente dipendente al 100% dal gas russo e che ha un accordo su oltre due miliardi di metri cubi da quel paese, ma che ha bisogno di 3,5 miliardi di metri cubi entro la fine della stagione di riscaldamento”. “Ecco perché la Serbia, ha sottolineato, ha affittato un impianto di stoccaggio del gas con una capacità di 500 milioni di metri cubi”. La stessa ha anche ricordato che il Paese ha il 49% sulla proprietà dello stoccaggio mentre il 51% è di proprietà di “Gazprom” e che ci sono “280 milioni di metri cubi di gas in quello stoccaggio”. “Daremo due miliardi di euro per il gas, anche se fino a quattro miliardi di euro potrebbero essere necessari per gas ed elettricità”.

Mihajlović ha quindi sottolineato che la Serbia non ha imposto sanzioni alla Russia anche se si è trovata d’accordo con la dichiarazione all’ONU. Secondo lei, il problema principale è che non c’è diversificazione per quanto riguarda il gas, quindi la situazione è difficile per ogni Ministro dell’energia. Mihajlović ha ribadito che sono già stati fatti i primi passi per rendere la Serbia più indipendente dalla Russia. Con il sostegno dell’UE, è in costruzione un gasdotto verso l’Azerbaigian e, da settembre del prossimo anno, fino al 40 per cento del gas proveniente dall’esterno della Russia dovrebbe raggiungere il paese attraverso di esso”. “Tra due anni, ha affermato, sarà completato il gasdotto verso la Macedonia del Nord, che avrà una capacità annua fino a un miliardo di metri cubi, anch’esso in costruzione con il sostegno dell’UE e un altro gasdotto è previsto verso la Romania”.

Inoltre, ha sottolineato, “è previsto il collegamento al terminal per il GPL in Croazia, attualmente in costruzione e allo stesso modo la Serbia dovrebbe ottenere un collegamento al terminal in Albania, che dovrebbe avere una capacità di cinque miliardi di metri cubi all’anno. Non è facile, ma abbiamo un piano”, ha detto Mihajlovic, sottolineando che “è necessario un cambiamento anche nella fornitura di elettricità, perché attualmente circa il 70 per cento della produzione di elettricità ricade su vecchie centrali a carbone”. “È qui che”, come dice, “è necessario passare alla produzione di energia sostenibile”.

https://www.politika.rs/scc/clanak/515937/Mihajloviceva-Srbija-cini-sve-da-smanji-zavisnost-od-Rusije

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top