Migrazioni: aiuti dalla UE per risolvere la crisi in Serbia

Due nuovi contratti stipulati, che il Governo della Serbia ha stipulato con l’Unione europea e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, contribuiranno in modo significativo ad affrontare la crisi in corso, afferma la Delegazione dell’Unione europea.

La Commissione europea ha firmato un contratto del valore di 7,3 milioni di euro con il Ministero del Lavoro e degli affari sociali, il Commissariato per i rifugiati e le migrazioni e il Ministero degli Interni. L’importo verrà utilizzato per garantire una sistemazione adeguata a rifugiati e migranti, finanziare i costi operativi dei centri di accoglienza e di transito, e centri per minori non accompagnati in Serbia, così come per gli stipendi del personale supplementare.

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) ha inoltre avviato l’attuazione di un contratto con l’Unione europea, in stretta collaborazione con le autorità serbe, che fornirà circa 5 milioni di euro di sostegno per migliorare l’accesso a un alloggio adeguato e a condizioni di vita di base per i migranti e rifugiati. E’ prevista dunque la ristrutturazione dei centri di accoglienza e la fornitura di cure mediche di base ai migranti. Il supporto tende a facilitare anche il ritorno volontario e il reinserimento dei richiedenti asilo respinti e dei migranti irregolari che vogliano fare ritorno ai loro paesi di origine.

Il Capo della delegazione dell’Unione europea alla Repubblica di Serbia, l’Ambasciatore Michael Davenport, ha dichiarato: “Sono certo che, attraverso questo supporto aggiuntivo la Serbia continuerà ad affrontare la crisi dei migranti in modo umano e responsabile, come sta facendo dal settembre del 2015. L’UE continuerà a sostenere il Governo centrale e le comunità locali, e lavorerà anche a stretto contatto con altri fornitori di aiuti”.

Dal settembre 2015 l’assistenza finanziaria che l’UE ha prestato al Governo della Serbia in questo settore è stata pari a più di 50 milioni di euro.

(EuropeanWesternBalkans, 19.01.2017)

Serbia receives additional EUR7.3 mln in EU assistance for migration

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top