La francese Mecafor investe 4 mln € a Kikinda

Nel mese di aprile di quest’anno, posando simbolicamente la prima pietra per la costruzione della fabbrica, la ditta francese Mecafor ha iniziato la realizzazione dell’investimento annunciato di 4 milioni di euro a Kikinda.

Nella zona industriale di Kikinda, la fabbrica, la cui costruzione è a buon punto, si concentrerà, a partire dal mese di ottobre, soprattutto sulla produzione di componenti per l’industria automobilistica.

Su un totale di 4 milioni di euro riservati dalla gestione di Mecafor per gli investimenti nello stabilimento di Kikinda, quasi 46 milioni di RSD sono stati stanziati per l’acquisto di terreni all’interno della zona industriale, attestando l’intenzione dell’investitore di espandere la produzione quando le condizioni lo consentano.

“Abbiamo scelto questo lotto in particolare considerando anche la possibilità di espanderci in futuro, qualora le condizioni per farlo siano soddisfatte. Siamo certamente consapevoli delle condizioni generali del mercato, quindi siamo molto fiduciosi per quello che ci si può aspettare in futuro” – ha dichiarato Nicolas Grosdidier, presidente del Comitato Direttivo della società, durante la sua visita a Kikinda.

“Abbiamo riflettutto sul fatto che le grandi aziende dovrebbero dare qualcosa in cambio alla città, ed è per questo che siamo arrivati alla decisione di concedere questo terreno. In questo modo, il nostro equipaggiamento in tutta la zona industriale è stato praticamente “coperto” con la vendita di quel pezzo di terra”, afferma Pavlov Markov, sindaco di Kikinda.

Nel primo anno di attività della fabbrica, 50 lavoratori dovrebbero essere impiegati senza sovvenzioni da parte dello Stato. Il termine ultimo per il completamento dei lavori di costruzione è settembre e la produzione dovrebbe iniziare nel mese di ottobre.

(RTV, 06.07.2015)

Share this post

scroll to top
More in economia, industria automobilistica, investimenti, Kikinda, Mecafor, occupazione
Huber Suhner a Krusevac – 4000 posti di lavoro

Investimenti tedeschi in Serbia: cresce l’ottimismo, ma necessarie riforme

Close