Matthew Palmer: “La Serbia non entrerà nell’UE senza il riconoscimento del Kosovo”

La Serbia non entrerà mai nell’Unione Europea senza riconoscere il Kosovo, ha dichiarato l’inviato speciale del Dipartimento di Stato per i Balcani occidentali, Matthew Palmer, a Pristina.

Secondo i media di Pristina, parlando con gli studenti della Biblioteca Nazionale di Pristina, Palmer ha detto che Aleksandar Vucic sa che la Serbia non entrerà mai nell’UE senza risolvere i problemi del Kosovo e che il Kosovo non può essere escluso da una soluzione duratura nei Balcani sottolineando come la risoluzione delle “relazioni Kosovo-Serbia” rimanga una priorità strategica per gli Stati Uniti.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il rappresentante speciale ha anche affermato che il suo Paese sta incoraggiando il nuovo governo del Kosovo a rafforzare il suo piano di dialogo con la Serbia.

“Qualsiasi passo dopo la normalizzazione sarà più facile. Verranno creati nuovi posti di lavoro. Quando si formerà un nuovo governo, dovrà rilanciare i negoziati. Non vediamo l’integrazione del Paese senza una riconciliazione con la Serbia. Voi meritate NATO, UE, ONU, meritate di non essere dietro gli Stati Uniti, ma fianco a fianco con noi. Il futuro è attraverso il dialogo, perché lo status quo non è sufficiente”, ha osservato Palmer.

Lo stesso ha detto che la Serbia dovrebbe interrompere la campagna per far ritirare il riconoscimento del Kosovo e la soluzione per la stabilità nei Balcani è l’integrazione del Kosovo. La piena integrazione del Kosovo rimane un obbligo e la nomina di Grenell sottolinea che “gli Stati Uniti sono presenti e pronti ad aiutare”, ha detto Palmer.

Parlando dell’adesione dei Balcani occidentali all’UE, ha affermato che la Serbia non acquisirà questo diritto senza riconoscere l’indipendenza del Kosovo, scrive il quotidiano Ljajmi.

“Vucic sa che la Serbia non entrerà mai nell’Unione europea senza risolvere i problemi del Kosovo. Vi esorto a cogliere questa opportunità. Il futuro del Kosovo determinerà anche quello dei suoi vicini”, ha detto Palmer agli studenti.

Gli Stati Uniti non impongono un accordo

“I negoziati con la Serbia sono stati complicati. Ma la storia del Kosovo ha sempre riguardato il superamento di sfide e compromessi. Il vostro stato costitutivo è irrevocabile e ora avete bisogno di normalizzazione per sfruttare il grande potenziale che avete”, ha rimarcato Palmer.

Aggiungendo che la Serbia dovrebbe interrompere la campagna per il ritiro del riconoscimento del Kosovo da parte di altri Paesi: “I Paesi dovrebbero avere spazio per negoziare senza paura. Gli Stati Uniti non impongono un accordo, solo il Kosovo e la Serbia devono raggiungerlo e approvarlo. I negoziatori devono avere spazio per sondare delle idee”, ha concluso Palmer.

https://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2019&mm=11&dd=01&nav_category=11&nav_id=1611622

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Kosovo, Matthew Palmer, Serbia, Stati Uniti
La Serbia firmerà un Memorandum d’intesa con la compagnia cinese “Huawei”

L’altolà dell’UE a Skopje e Tirana può essere una buona cosa per la regione balcanica

Chiudi