Matkovic: inflazione al 14%, prezzi alimentari al 21%, povertà in aumento

Gordana Matković, direttore del programma del Centro per le politiche sociali, ha dichiarato che “purtroppo la crisi causata prima dalla pandemia COVID-19 e poi dalla guerra in Ucraina non sarà molto diversa da tutte le altre crisi e il peso maggiore ricadrà ancora una volta sui più poveri”.

“A settembre l’inflazione annuale in Serbia era del 14%, con un aumento dei prezzi dei generi alimentari del 21%. Inoltre, il 10% dei cittadini più poveri spende più della metà del proprio reddito per il cibo”, avverte Matković, che è stata ministro del Lavoro, dell’occupazione e delle politiche sociali nel governo di Zoran Djindjić.

Aggiunge che “se gli stipendi non sono aumentati dal 2019, il che è dato di fatto, è chiaro che ora i cittadini serbi si ritrovano con mezzi di sopravvivenza ancora più ridotti, e la loro situazione peggiorerà sicuramente quando i prezzi dell’energia aumenteranno nel prossimo periodo”.

Commentando la recente dichiarazione del primo ministro serbo, Ana Brnabić, secondo cui potrebbe vivere con il salario minimo di 40.000 dinari per diversi giorni, Matković ha affermato che lei (il primo ministro) “non ha gestito bene il suo lavoro, anche se non è facile vivere sotto i continui riflettori”.

“Inoltre, quando qualcuno è al potere per troppo tempo, perde il senso della realtà”, ha sottolineato Matković.

(N1, 10.11.2022)

https://rs.n1info.com/biznis/matkovic-inflacija-14-odsto-hrana-skuplja-21-odsto-najgore-ce-proci-siromasni/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top