Mancano le fonti di finanziamento per le PMI serbe

“Dopo 10 anni, il problema della mancanza di adeguate fonti di finanziamento per le piccole e medie imprese non è stato risolto: se vuole investire, un imprenditore su 100 dinari se ne toglie di tasca propria 84”, dichiara Dragana Stanojevic, direttrice “USAID” per il progetto di cooperazione.

Da dieci anni l’USAID fa un sondaggio su mille aziende, un’indagine ampia che mostra la struttura dell’economia serba. Il sondaggio ha mostrato che la maggior parte delle aziende ha mantenuto lo stesso numero di dipendenti nonostante la pandemia: un numero leggermente inferiore di aziende ha assunto nuovi lavoratori e quando si tratta di reddito, profitto e domanda, è visibile una ripresa.

Secondo il sondaggio, circa il 30% degli uomini d’affari segnala un calo del reddito, un risultato migliore rispetto allo scorso anno. Inoltre, nel 2020, il 22% degli intervistati ha dichiarato che il loro calo del reddito era superiore al 30% mentre quest’anno è dell’11%, meno della metà.

Le micro, piccole e medie imprese sono significativamente più colpite dalla crisi. Quali sono i principali problemi dell’economia? “Sebbene la stessa procedura di pagamento delle tasse sia stata semplificata, l’ammontare delle tasse rimane ancora un problema, così come un gran numero di prelievi parafiscali. L’insufficiente trasparenza e la mancanza di dialogo pubblico-privato restano i problemi dell’economia, che si sono aggravati durante la crisi”, sottolinea la Stanojevic.

Quest’anno, meno della metà degli imprenditori afferma che l’economia sommersa è un problema, anche se la stessa è al terzo posto nell’elenco delle questioni che devono essere risolte per ottenere una crescita più rapida.

Stanojević: Od uloženih 100 dinara mali privrednik 84 daje iz svog džepa

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top