Ma che ambasciatori ci manda Washington

Nessuno dubita che gli ambasciatori, soprattutto quelli di grandi Paesi, influenzino o almeno cerchino di indirizzare i Paesi in cui sono ospitati verso la direzione più favorevole ai loro governi. Ma ci sono pochi diplomatici che superano il limite del rispetto e del bon ton, anche in pubblico. E loro, di regola, provengono dagli Stati Uniti d’America.

In Serbia, ce n’erano proprio di così. E ora, forse il più offensivo di tutti, Sua Eccellenza Christopher Hill sparge “consigli”. Dice che non sceglie i Ministri, ma che il nuovo governo serbo dovrebbe essere filo-occidentale, commenta le singole dichiarazioni dei Ministri serbi, dice che noi non abbiamo bisogno della Russia…

Continua come i suoi predecessori. Si diceva che fosse stato Cameron Munter a riconciliare socialisti e democratici e a unirli al governo nel 2008, dichiarando che gli Stati Uniti non avrebbero potuto cooperare con la Serbia se fosse stata governata da Vojislav Koštunica e dai radicali. Il suo collega Michael Kirby una volta era infastidito dal fatto che il Presidente russo Vladimir Putin fosse venuto in Serbia per celebrare la liberazione di Belgrado nella seconda guerra mondiale, con la spiegazione che avremmo dovuto invitare altri leader dell’ex Unione Sovietica come ospiti, perché “anche questi Paesi hanno preso parte alla liberazione”.

L’ambasciatore Kyle Scott si presentò in un seggio elettorale a Zemun durante le elezioni per il parlamento di Belgrado per “controllare come stava andando il processo elettorale” e corresse i giornalisti al palazzo del governo serbo dicendo che il Kosovo è di fatto uno “Stato sovrano”.

Un gentiluomo che pensa due volte prima di dire qualsiasi cosa, come lo scrittore John Steinbeck ha descritto un diplomatico, è stato depennato dagli americani. E oggi sarebbe molto utile. Le parole incendiarie alimentano solo numerosi conflitti e non sono necessarie. Perché tutti sanno perfettamente da tanto cosa uno pensi dell’altro.

https://www.novosti.rs/vesti/kolumne/1139670/hil-kakve-nam-sve-ambasadore-salje-vasington

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top