L’Unione dei fornai serbi: “La Serbia non importa pane bianco, ma tipi speciali che non produciamo”

“Il pane e i prodotti da forno hanno lo stesso codice, e per questo motivo è emerso che la Serbia importa molto pane; tuttavia non è così, sull’importazione totale il pane non ammonta nemmeno al 10%”, ha detto a “Tanjug” il presidente dell’Unione dei fornai Zoran Pralica.

Lo stesso ha spiegato che il pane bianco non è importato, ma solo tipi speciali di toast che non sono prodotti in Serbia, così come la pasta sfoglia congelata e alcuni tipi di cornetti.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Secondo lui, questi prodotti sono forniti da hotel e catene di vendita al dettaglio, e le due più grandi catene di vendita al dettaglio in Serbia, “Delhaize” e “Lidl”, rappresentano circa il 90% dell’importazione totale di prodotti da forno.

Alla domanda sul perché questi prodotti vengano importati se la Serbia è sufficientemente ricca di grano, Pralica spiega che le industrie di panetteria nazionali si basano principalmente sulla produzione di pane bianco e non hanno linee di produzione costose per produrre questi tipi di prodotti da forno:

“Negli ultimi 10 anni è stato aperto un gran numero di hotel, si sono trasformate le aziende che hanno dei supermercati nella loro struttura e c’è bisogno di prodotti non serbi, che ora quindi importano”.

Conferma che l’anno scorso, rispetto al 2018, è raddoppiata l’importazione di un tipo speciale di pane e di prodotti da forno, soprattutto da Spagna e Francia.

Il motivo dell’aumento delle importazioni è, dice, l’apertura della catena “Lidl”, che ha una propria fabbrica speciale di pane e prodotti da forno la quale rifornisce tutte le sue strutture in Europa.

“Mangiamo pane estremamente buono e quando parliamo di pane base, il pane bianco fino a 500 grammi è di ottima qualità; siamo ancora i più economici non nella regione ma in Europa”, ha detto Pralica, aggiungendo che lo stesso pane in Bosnia costa 72 dinari, mentre in Serbia va dai 35 ai 40 dinari.

Lo stesso spiega che molti hotel in Serbia hanno incluso nella loro gamma diversi tipi di dolci e pane, e insieme alle singole catene di vendita al dettaglio importano semilavorati che vengono messi direttamente nei forni e serviti agli ospiti o ai consumatori.

https://www.ekapija.com/news/2749324/unija-pekara-srbije-srbija-ne-uvozi-beli-hleb-nego-specijalne-vrste-koje

Photo credits: “amenic181/shutterstock.com”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... cornetti, pane bianco, Serbia, toast
Il Ministero dell’Ambiente è immobile di fronte al problema inquinamento

Nel 2019 inflazione in Serbia all’1,9%

Chiudi