L’opposizione non si fida dei sondaggi di Djilas

Alcuni partiti di opposizione hanno avuto modo di conoscere i risultati dei sondaggi che vengono eseguiti di mese in mese da Dragan Djilas, e le cifre che si riferiscono ai singoli partiti. Tuttavia, la maggior parte di loro afferma di non fare troppo affidamento su questi risultati e alcuni guardano di più ad altre ricerche fatte da organizzazioni straniere indipendenti in cui hanno più fiducia.

Uno dei risultati della ricerca commissionata dal partito di Djilas “SSP” è che l’opposizione composta da “SSP, DS, Dveri, DJB, NS, PSG, ZZS, NDMBG, SDS e PZP” insieme ha il sostegno del 32,9% dei voti. La maggior parte dei partiti di questa lista è però scettica, dato che non c’è praticamente alcuna possibilità che tutti questi partiti si uniscano assieme.

Il Partito Democratico (DS) non si affida ai sondaggi di opinione pubblica perché si sono ripetutamente rivelati inaffidabili nella loro esperienza politica. Secondo uno spaccato di una ricerca fatta da organizzazioni straniere sugli atteggiamenti politici degli elettori in Serbia, si evidenzia che “la gente è più favorevole all’opposizione dove la pressione sugli elettori è minore, vale a dire a Belgrado e nelle aree urbane più sviluppate, e queste fatti sono confermati sul campo”.

L’organizzazione “Ne davimo Beograd” non ha voluto commentare la ricerca di Djilas perché non vede la possibilità che, ad esempio, loro e il partito “Dveri” siano nella stessa lista. Secondo una ricerca indipendente gli stessi registrano un aumento significativo del sostegno, pari al 6% a Belgrado.

“I primi sondaggi di opinione condotti per l’intero territorio della Serbia, così come quello fatto in particolare per Belgrado, parlano di una crescita stabile del sostegno al movimento nei tre anni precedenti. Dopo il 3,44%, con cui il movimento ha vinto alle elezioni comunali nel 2018, la ricerca che abbiamo analizzato mostra che in questo momento il sostegno a Belgrado è superiore al 6%. Nei comuni centrali della città siamo all’11%, e a livello nazionale siamo vicini alla soglia di sbarramento”.

Tra coloro che affermano di non aver visto la ricerca di Djilas ci sono i rappresentanti del Partito socialdemocratico e del partito “Zajedno za Srbiju”.

Nebojsa Zelenovic, il leader di quest’ultima formazione, afferma di non aver visto le cifre presentate da Djilas oi risultati della ricerca, ma di aver fatto affidamento su altri sondaggi a cui aveva accesso.

“Una ricerca attendibile mostra che i cittadini vogliono tre cose dall’opposizione: che si espanda, che offra un programma e nuove persone. Ed è esattamente quello che stiamo facendo ora: abbiamo riunito più di 20 organizzazioni da tutta la Serbia e il 5 giugno effettueremo un lavoro congiunto ufficiale sulla piattaforma Zeleni dogovor”, ha affermato Zelenović. Sottolinea di ritenere che l’opposizione abbia le maggiori possibilità a Belgrado, come dimostra anche la ricerca presentata dalla SPP.

“Se c’è una possibilità di vincere da qualche parte è a Belgrado, ma affinché ciò accada le persone devono credere che la vittoria sia possibile e che il loro voto significhi qualcosa, cosa che può essere raggiunta attraverso una campagna pre-elettorale”, ha sottolineato Zelenović.

https://www.danas.rs/politika/opozicija-vidi-ali-ne-veruje-istrazivanjima-rejtinga/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Djilas, DS, Elezioni Belgrado, sondaggi opinione
Sulle spalle delle future generazioni il peso del debito pubblico serbo

Djilas: “L’opposizione si attesta al 42% dei consensi, il partito SNS al 38%”

Chiudi