Loncar: epidemia di morbillo evitabile

Il Ministro della Salute Zlatibor Loncar ha affermato oggi che l’epidemia di morbillo in Serbia non si sarebbe verificata se i genitori avessero prestato ascolto ai professionisti della salute, piuttosto che alle celebrità che hanno manifestato la propria posizione anti-vaccinazione.

“Abbiamo abbastanza vaccini per tutti. L’epidemia non può essere fermata fino a che la copertura vaccinale non sarà superiore al 95%” ha dichiarato ai giornalisti il Ministro dopo aver visitato la clinica pediatrica presso l’Università di Belgrado, sottolineando che a causa della epidemia di vaiolo, che non avrebbe dovuto verificarsi, il sistema sanitario ha dovuto coprire costi enormi e che tale denaro avrebbe potuto essere altrimenti destinato al trattamento di bambini malati.

Loncar ha aggiunto che negli ultimi mesi il numero di bambini vaccinati è aumentato e che la copertura vaccinale è salita al 90%. Egli ha avvertito, tuttavia, che l’epidemia potrebbe propagarsi da Romania e Bulgaria se non si procedesse a vaccinazione diffusa nelle città di Zrenjanin e Vrsac. In Romania, ha riferito, 10.000 persone soffrono di morbillo e 5.000 in Bulgaria.

Secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono stati forniti sufficienti quantità di vaccini MPR per gli operatori sanitari che sono ora vaccinati.

“Questa situazione non si può risolvere da sola. I genitori preferiscono ascoltare celebrità anti-vaccinazione che non dispongono di alcuna conoscenza medica, e non professionisti medici che hanno trascorso tutta la loro vita a trattare le persone malate”, ha osservato il Ministro.

Loncar ha inoltre sottolineato che il vaccino MMR non ha alcuna correlazione con l’autismo, come sostengono alcuni. Ha citato l’esempio del Giappone, dove, nonostante il fatto che i bambini non siano stati vaccinati negli ultimi sette anni, il numero di bambini con autismo è salito.

(Nedeljnik, 31.01.2018)

https://www.nedeljnik.rs/nedeljnik/portalnews/roditelji-su-slusali-estradne-umetnike-zato-imamo-epidemiju-malih-boginja/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Corsa al weekend… gli eventi a Belgrado e Novi Sad

La turca Flex Academy investe a Priboj

Close