Lo stipendio medio in Serbia dipinge un quadro sbagliato?

Lo stipendio medio in Serbia dà un’immagine sbagliata del tenore di vita nel Paese, perché lo stipendio mediano, cioè quello percepito dalla metà dei dipendenti del Paese, è molto basso e in costante diminuzione, secondo gli economisti.

Secondo i dati raccolti dall’Ufficio Statale di Statistica, a marzo il salario medio lordo era di 133.373 dinari, mentre il salario medio senza tasse e contributi ammontava a 96.913 dinari.

La crescita dei salari lordi nel periodo gennaio-marzo di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso è stata del 15% in termini nominali, o dell’8,8% in termini reali, mentre il salario medio netto è aumentato del 14,9% in termini nominali, o dell’8,7% in termini reali.

Rispetto allo stesso mese del 2023, il salario lordo medio di marzo è aumentato nominalmente del 13,3% e in termini reali del 7,9%, mentre il salario netto medio è aumentato nominalmente del 13,4% e in termini reali dell’8%. Lo stipendio netto mediano in Serbia per il mese di marzo è stato di 72.979 dinari, il che significa che il 50% dei dipendenti ha percepito uno stipendio fino all’importo indicato.

Lo stipendio mediano più alto è inferiore di circa 24.000 dinari rispetto allo stipendio medio in Serbia, che oscilla tra i 60.000 e i 65.000 dinari, mentre il paniere minimo di consumo vale 53.000 dinari, secondo gli ultimi dati.

L’economista Branko Pavlović afferma che l’aumento degli stipendi in Serbia è condizionato dall’aumento dell’inflazione nell’ultimo anno e in parte quest’anno e che, se si tiene conto della crescita del costo della vita, il tenore di vita delle persone in Serbia è in costante declino.

“Il salario medio è un dato statistico calcolato matematicamente che non mostra la situazione reale, cioè il tenore di vita in questo Paese. Avremmo un quadro migliore a questo proposito se guardassimo ai dati sugli aumenti salariali reali, che sono inferiori a quelli nominali. Inoltre, se consideriamo l’aumento dei salari rispetto all’aumento dei prezzi dei generi alimentari e dei costi delle utenze, possiamo vedere chiaramente che il tenore di vita è diminuito. In particolare, i dipendenti che ricevono uno stipendio medio spendono la maggior parte del denaro in cibo e utenze, il che significa che rimangono con pochi soldi per vivere”, ha aggiunto Pavlović.

Il presidente dell’Associazione sindacale Sloga, Željko Veselinović, osserva che la differenza tra il salario medio e quello mediano in Serbia è assolutamente inaccettabile e vergognosa: “Le affermazioni secondo cui i salari e il tenore di vita delle persone in Serbia sono in crescita sono una storia inventata. Al contrario, i redditi personali sono bassi e insufficienti per vivere una vita di qualità. Non credo che i dati statistici sul salario medio e mediano nel nostro Paese siano veritieri. Non mi fido delle istituzioni statali che generano questi dati, come l’Ufficio Statistico Statale, e sono certo che le cifre ufficiali del salario medio e mediano siano “gonfiate” per presentare la situazione meglio di quanto non sia in realtà”, aggiunge Veselinović.

(Danas, 27.05.2024)

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/prosecna-plata-u-srbiji-oko-800-evra-potpuno-nerealno-i-krajnje-besmisleno-da-li-iznos-prosecne-plate-u-srbiji-pruza-pogresnu-sliku/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top