Lo Stato stanzia altri 1,7 miliardi di dinari per il Tempio di San Sava

La Chiesa ortodossa serba riceverà altri 1,7 miliardi di dinari per il completamento dei lavori sul Tempio di San Sava, scrive la Gazzetta Ufficiale. Secondo la decisione del governo della Serbia, il denaro verrà stanziato dalle riserve di bilancio. Del bilancio statale finora nel Tempio sono stati investiti 43 milioni di euro.

Secondo il giornale “Insider”, le chiese in Serbia sono privilegiate in vari modi: ricevono fondi significativi dal bilancio, sono esentate dalle tasse per le attività religiose, i cittadini stessi pagano dal fondo statale ai sacerdoti l’assicurazione sociale, pensionistica e sanitaria, mentre la chiesa gestisce i propri beni indipendentemente e non paga tasse o altri tributi.

Oltre ad essere esente dalle tasse per le proprie attività e proprietà, la Chiesa ortodossa serba è di gran lunga quella che riceve di più dai fondi di bilancio destinati alle organizzazioni non governative. Secondo una ricerca di “Insider”, dal 2002 all’inizio del 2017 lo Stato ha stanziato più di 90 milioni di euro per i bisogni di tutte le chiese e comunità religiose, la maggior parte indirizzati alla Chiesa ortodossa serba.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/271325/Za-Hram-Svetog-Save-jos-17-milijardi-dinara-iz-budzeta.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Chiesa ortodossa, fondi statali, sacerdoti
Lo Stato serbo ha restituito quasi tutti i terreni confiscati alle Chiese

Come lo Stato serbo finanzia la Chiesa ortodossa

Chiudi