Lo Stato serbo pagherà l’avvocato ai più poveri

Dopo un’attesa durata 15 anni, l’assistenza legale gratuita entrerà in vigore in Serbia il 1° ottobre. La legge si applica ai più poveri, alle vittime di violenza e tratta di esseri umani, ai rifugiati…

L’assistenza legale gratuita sarà disponibile per i beneficiari di assistenza finanziaria, assistenza sociale o assegni familiari, nonché per coloro che a causa di spese proprie sostenute, per una specifica questione legale, ne uscirebbero evidentemente impoveriti.

Si tratta di coloro che rientrano nella situazione finanziaria più difficile sulla base dei dati disponibili, così come quelli che, con i costi dei procedimenti giudiziari e le spese legali, sarebbero in effetti equiparati al primo gruppo, spiega il Ministero della Giustizia.

Anche i membri di gruppi vulnerabili hanno questo diritto, indipendentemente dallo status finanziario: bambini i cui diritti, obblighi o interessi sono decisi davanti a un tribunale o altra autorità, le vittime di violenza domestica, i richiedenti asilo, i rifugiati, le persone sotto protezione sussidiaria, gli sfollati interni, le persone con disabilità e coloro che godono di protezione contro la tortura e i trattamenti disumani o la tratta di esseri umani.

L’assistenza legale gratuita sarà fornita da avvocati e da servizi di assistenza legale delle amministrazioni locali. Inoltre, le associazioni possono fornire direttamente assistenza gratuita nelle procedure per l’esercizio del diritto di asilo e protezione contro la discriminazione. Le associazioni che si occupano della protezione dei diritti e delle libertà delle persone e delle minoranze possono fornire assistenza gratuita alle vittime di violenza domestica, di società o di violenza sessuale, nonché proteggere i diritti delle persone LGBT, rom, bambini e persone con disabilità.

La Ministra della giustizia Nela Kuburovic ha ricordato che l’attuazione della legge, che in Serbia si attendeva da 15 anni, inizierà il 1° ottobre:

“È essenziale fornire pari accesso alla giustizia per tutti i cittadini, in modo che quelli che non sono stati in grado di esercitare i loro diritti finora possano farlo in futuro. È anche importante disporre di un paese finanziariamente stabile e in grado di fornire tali fondi, poiché non si tratta di importi limitati”, ha affermato la Kuburovic.

I costi della procedura e dei servizi di assistenza saranno finanziati dai bilanci del governo centrale e locale, nonché dal supporto di progetti e donazioni.

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/drustvo/aktuelno.290.html:820002-Drzava-siromasnima-placa-advokata

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top