Lo Stato fa delle concessioni sul pagamento delle tasse ai freelancer

Lo Stato serbo avrebbe già concesso troppo ai liberi professionisti e non c’è spazio per nuove concessioni, secondo gli esperti. I lavoratori su Internet sono comunque insoddisfatti di ciò che è stato offerto loro dal governo: sospensione dell’invio di tributi fiscali per tasse non pagate e contributi nei pagamenti ricevuti dall’estero negli ultimi cinque anni, cancellazione degli interessi, riconoscimento dei costi standard al 43% e riprogrammazione del debito a 10 anni.

Questo vale solo per i liberi professionisti che si guadagnano davvero da vivere lavorando online, mentre gli esperti di criptovalute e coloro che scommettono online o affittano appartamenti per un giorno devono comunque pagare l’intero importo del debito fiscale.

Sasa Randjelovic, professore alla Facoltà di Economia, afferma che questa offerta, che cancella gli interessi, mette chi non ha pagato le tasse in tempo in una posizione privilegiata rispetto a tutti gli altri cittadini serbi che hanno saldato i loro obblighi in tempo.

“È sbagliato parlare di tassazione di liberi professionisti, parrucchieri o farmacisti. Dobbiamo parlare di tassazione dei redditi. Si tassa indipendentemente da chi paga. A tal proposito, anche questa offerta sembra essere più che generosa. Altrimenti, se andasse oltre e riducesse ancora il capitale del debito, lo Stato invierebbe un forte segnale negativo ai contribuenti regolari che sono ora in una posizione sfavorita perché hanno pagato le tasse in tempo”, dice Randjelovic.

Aleksandar Stevanović, economista, ritiene che il riconoscimento del 43% dei costi standard per i servizi sia una concessione piuttosto generosa da parte dello Stato.

“È qualcosa che non rifiuterei se fossi un libero professionista. Forse il periodo di rimborso potrebbe ancora essere negoziato, perché il nostro obiettivo non è che le persone continuino a lavorare illegalmente, ma che entrino nel sistema e paghino le tasse allo Stato. I liberi professionisti che hanno obbedito all’Amministrazione fiscale e pagato le tasse non dovrebbero essere un problema perché c’è un credito d’imposta e quel denaro non verrebbe loro restituito, ma sarebbe usato per saldare i loro obblighi futuri”, spiega Stevanovic e aggiunge che non è un bene inviare costantemente il messaggio che vale la pena fare orecchie da mercante e non pagare, aspettando un’offerta migliore da parte dello Stato.

https://www.kurir.rs/vesti/biznis/3627517/drzava-umanjila-dug-frilenserima-za-30-odsto-ali-ne-svima-ove-3-kategorije-morace-da-plate-pun-iznos-poreskog-duga

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... freelancer, internet
Fino al 70% dei freelancer sarebbe disposto a pagare le tasse

Un terzo dei cittadini baratterebbe la privacy per uno sconto sugli acquisti

Chiudi