Lo stato dell’industria dopo l’epidemia

L’epidemia è stata uno shock globale senza precedenti, secondo la Camera di commercio serba (PKS). Come tale, ha avuto un impatto su tutti i settori. Alcune attività sono state quasi devastate, come il turismo, la ristorazione e il trasporto, perché il lavoro in questi settori è stato bloccato a causa delle misure introdotte per prevenire la diffusione dell’infezione.

Dall’altro lato, una parte significativa dell’industria manifatturiera ha sofferto della mancanza di input produttivi a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento globale e della riduzione della domanda internazionale.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Tuttavia, alcune attività all’interno dell’industria manifatturiera hanno visto un aumento della domanda, principalmente quelle che producono alimenti di base, prodotti chimici e attrezzature mediche e protettive.

“Secondo i dati dell’Ufficio di statistica della Repubblica, la produzione industriale nel primo trimestre 2020 ha registrato una crescita positiva del 4,4% su base annua, sebbene per la metà del terzo fossimo in uno stato di emergenza. Durante lo stato di emergenza, una parte significativa dell’industria di trasformazione e il potenziale industriale della Serbia in generale sono rimasti funzionali grazie al trasporto organizzato dei lavoratori durante il divieto di movimento, alla catena di fornitura relativamente stabile nelle aziende manifatturiere e al trasporto transfrontaliero di merci, per il quale molto ha contribuito la Camera di Commercio”, afferma per “eKapija” il vicedirettore del settore per l’analisi strategica, i servizi e l’internazionalizzazione di PKS, Bojan Stanić.

La Serbia ha resistito bene al primo colpo

Dopo quasi 50 giorni di stato di emergenza, l’economia serba è in fase di riapertura. La “PKS” sottolinea l’importanza del programma di sostegno economico, adottato dal governo, in termini di benefici fiscali, benefici diretti in denaro per il settore privato, nonché accesso a prestiti favorevoli nell’ambito del Fondo di sviluppo della Repubblica di Serbia e al regime di garanzia concordato con le banche commerciali.

“Osservando i dati ufficiali, è ovvio che l’economia della Serbia ha resistito bene al primo colpo della crisi, ovvero che è stata preservata l’occupazione, che era l’obiettivo principale delle misure del governo. Secondo l’indagine sull’attività economica delle entità aziendali nella Repubblica di Serbia, condotta dalla Camera di Commercio su un campione rappresentativo di circa 900 aziende, la stragrande maggioranza degli uomini d’affari non prevede di ridurre l’occupazione nel secondo trimestre” afferma l’interlocutore.

Tuttavia, aggiunge, tenendo presente che l’economia serba è un’economia aperta e integrata nella catena di approvvigionamento globale, la situazione economica nel prossimo periodo dipenderà dalla velocità di dissoluzione dell’economia europea, che è anche un partner chiave del commercio estero, come da una possibile nuova ondata di epidemia alla fine dell’anno.

“Il settore bancario in Serbia dispone di molta liquidità e la maggior parte degli indicatori macroeconomici mostrano una performance favorevole (i tassi di interesse sono bassi, il tasso di cambio è stabile, una crescita espansiva del PIL nel primo trimestre del 5%). Prendo atto che l’agenzia di rating del credito “Standard and Poor’s” ha confermato il rating del credito della Serbia a BB + con una prospettiva stabile per un ulteriore miglioramento, cosa che renderebbe la Serbia il primo Paese della regione ad entrare nei ranghi dei Paesi con un rating di credito di investimento. La valutazione afferma che la Serbia ha conservato la sua stabilità macroeconomica e che l’economia è meglio preparata in senso strutturale in relazione alla situazione durante la crisi finanziaria globale dal 2008″, sottolinea Stanic.

Lo stesso osserva che la proiezione di quest’anno della crescita dell’attività economica in Serbia da parte delle istituzioni finanziarie internazionali parte da circa un -3%, con un balzo significativo nel prossimo anno.

“Le stime del governo secondo cui il tasso di crescita di quest’anno in Serbia sarà più favorevole sono incoraggianti; l’edilizia locale e una parte significativa dell’industria di trasformazione saranno stimolate attraverso una parte dei progetti infrastrutturali nell’ambito dell’iniziativa “Srbija 2025” e un nuovo ciclo di investimenti”, conclude Bojan Stanić.

https://www.ekapija.com/news/2887160/industrija-nakon-epidemije-koje-grane-su-imale-porast-potraznje-i-kako-tece#

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... epidemia, industria, PKS
Gojkovic: “La Costituzione non consente lo svolgimento delle elezioni in autunno”

Ripresa del traffico interurbano dalla prossima settimana

Chiudi