Ljajic: A breve l’apertura di un’altra fabbrica tessile turca a Mali Zvornik

Il Vice Primo Ministro e Ministro del Commercio, del Turismo e delle Telecomunicazioni, Rasim Ljajic, ha aperto oggi la Fiera tessile “Balkan Textile 2019” e ha annunciato che nei prossimi mesi verà aperto un altro stabilimento tessile turco a Mali Zvornik.

Ljajic ha detto che in Serbia ci sono 29 fabbriche che operano nel settore tessile, i cui proprietari provengono dalla Turchia, e che negli ultimi cinque anni sono state aperte 10 fabbriche, di cui solo tre hanno beneficiato delle sovvenzioni che lo Stato fornisce per avviare la produzione.

Il Ministro ha espresso la sua speranza che alcuni degli espositori in fiera decidano di continuare la loro produzione in Serbia, in quanto ritiene che la produzione di materie prime è un’opportunità per chiunque arrivi a investire. Inoltre, la Serbia offre costi operativi inferiori rispetto ai paesi concorrenti.

Ljajic ha dichiarato che l’industria tessile in Serbia è ora in via di recupero e impiega circa 50.000 persone.

“Siamo ancora lontani dagli standard della ex Jugoslavia, la quale era uno dei centri dell’industria tessile e impiegava complessivamente 250.000 persone e il cui valore delle esportazioni di prodotti tessili era di cinque miliardi di dollari, ma siamo sulla strada della ripresa”, stima Ljajic.

Il ministro ha dichiarato che l’anno scorso il valore delle esportazioni di prodotti tessili ammontava a 812 milioni di euro e che la fiera è un’opportunità significativa per incontrare importanti uomini d’affari in questo campo.

L’ambasciatore turco in Serbia, Tanju Bilgic, ha dichiarato che l’organizzazione di questa fiera è significativa per le relazioni commerciali tra Serbia e Turchia. In questa occasione, ha annunciato che a Kraljevo sarà aperta una fabbrica tessile in occasione della visita del Presidente turco Recep Tayyip Erdogan, prevista per maggio.

Ha inoltre affermato che nel 2018 lo scambio commerciale tra Serbia e Turchia è stato pari a 1,2 miliardi di dollari, di cui 50 milioni sono andati al settore tessile, con un aumento del 12%.

L’anno scorso, la fiera del tessile di Belgrado è stata visitata da 3.000 visitatori.

Photo Credits:”Petar Marković / RAS Srbija”

https://www.blic.rs/biznis/privreda-i-finansije/ljajic-uskoro-jos-jedna-turska-fabrika-tekstila-i-to-u-malom-zvorniku/h7tcwq4?fbclid=IwAR13FVJMRAinEHuln9M-p13UW9zeCTZ4a1tD4Rwl6Q4BeKLCeUhQmtowxaU

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Balkan Textile Fair 2019, esportazioni, industria del tessile, Rasim Ljajic
Mosca “spinge” le quote di esportazione per la Serbia

Le esportazioni di servizi ICT per la prima volta superano un miliardo di euro, con un aumento del 26% rispetto al 2017

Close