L’italiana “Geox” se ne va da Vranje?

Il calzaturificio italiano “Geox” potrebbe lasciare Vranje (sud della Serbia) entro la fine di luglio, riporta l’agenzia “Tanjug”. Secondo informazioni non ufficiali, alcuni lavoratori sono già stati invitati a rivolgersi al Servizio nazionale per l’impiego e nel mese precedente la fabbrica è rimasta chiusa poiché i dipendenti erano stati mandati in ferie.

Lo “svuota tutto” è in corso da tempo nel negozio di calzature “Geox” della città di Vranje, che sembra vada verso una chiusura definitiva. Inoltre, il principale modellista dell’azienda dalla scorsa settimana è stato trasferito in Marocco, dove verranno prodotti in futuro i modelli più importanti di questa azienda.

Girano voci che la proprietà e parte dei lavoratori potrebbero essere rilevati dalla turca “Teklas”, che opera con successo nel paese di Vladicin Han.

L’arrivo dell’italiana “Geox” a Vranje è stato concordato nel 2012 e la fabbrica ha iniziato a funzionare nel 2016. Al telegiornale i lavoratori affermano di non avere alcuna informazione ufficiale sul trasferimento e sperano che si tratti di speculazioni, così come i sindacati sperano che in futuro non avvenga lo spostamento della produzione in Albania.

La “Geox” ha ricevuto dallo Stato serbo un sussidio di 11,25 milioni di euro, pari a 9.000 euro per ogni dipendente assunto. Secondo gli accordi, gli investitori che ricevono un sostegno statale sono obbligati a rimanere nel Paese per almeno cinque anni dopo l’attuazione del progetto.

https://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/italijanska-fabrika-obu%C4%87e-geox-odlazi-iz-vranja

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... calzaturificio, Geox, sussidio
Le fabbriche di lavoro forzato in Serbia

Le imprenditrici serbe chiedono un ulteriore aiuto al governo

Chiudi