“L’invito di Vucic a ispezionare le liste elettorali è un raggiro”

Il Presidente del Partito per la libertà e la giustizia (SZS), Dragan Djilas, ha affermato che il possibile arrivo di pertinenti istituzioni internazionali per visionare le liste degli elettori non creerebbe le condizioni affinché l’opposizione si presenti alle prossime elezioni, perché questo avverrà solo se saranno soddisfatte “richieste chiare” da parte di un team di esperti.

“L’ispezione e il riordino delle liste elettorali rappresenta solo una piccola parte. Per avere elezioni vere è necessaria la libertà dei media. Non possiamo avere media liberi se “KRIK” (rete di media che si occupa della lotta al crimine e alla corruzione) pubblica un servizio argomentato che il 60% dei serbi non vede perché né “RTS” né altri media lo mandano in onda” ha detto Djilas in una conferenza stampa.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato ieri che lo Stato inviterà rappresentanti di pertinenti istituzioni internazionali a venire in Serbia “cinque o sei mesi” prima delle elezioni per controllare l’elenco degli elettori e determinare, come ha detto, se il governo si immischia in faccende non sue o ruba ai cittadini.

Djilas ha definito questa chiamata di Vucic agli osservatori stranieri come una truffa. Alla domanda se il suo partito prenderà parte alle elezioni dopo l’annuncio di Vucic che la lista dei votanti sarà controllata, ha risposto brevemente “no”.

“L’atteggiamento dell’opposizione è chiaro in merito alle condizioni per avere elezioni libere e giuste, e l’elenco degli elettori è solo “una piccola vite, un pezzo del mosaico”; a Vučić va bene ridurre il numero di elettori in caso di boicottaggio dell’opposizione. Le condizioni per elezioni eque e giuste sono dei media liberi; non è possibile che mentre i colleghi di “KRIK” pubblicano un servizio sul fratello del Ministro delle finanze, “Pink” ospiti il Presidente che lo commenta, mentre “RTS” non dica nulla, cosicché il 60% dei serbi non ha idea di cosa succede”.

Il Presidente del Partito popolare Vuk Jeremic ha dichiarato che il Partito per la libertà e giustizia boicotterà le elezioni se non verranno soddisfatte le proposte del gruppo di esperti, mentre il leader del Partito Democratico, Zoran Lutovac, ha aggiunto che i lasciti delle rivoluzioni francese e americana sono stati la segretezza e il voto non coercitivo, cose che in Serbia non esistono neanche 200 anni dopo.

Dopo sette anni di governo di “SNS” la Serbia è uno Stato parzialmente libero, in cui gli avversari politici sono trattati come nemici da distruggere.

Jeremic ha osservato che l’appello di Vucic è da “ciarlatano”, poiché la chiamata di “ODHIR” a una missione di monitoraggio completa dovrebbe essere inviata sei mesi prima delle elezioni, il che significa che i loro esperti rimangono in Serbia tutto quel periodo controllando anche il lavoro dei media. La Serbia è un’autocrazia, uno stato imprigionato, uno stato non libero in cui si vive peggio dopo sette anni in cui è al potere il Partito progressista serbo (SNS).

“In Serbia, un uomo decide tutto, non c’è divisione del potere, ma solo il bottino è condiviso e i media non sono il quarto pilastro del potere, ma i suoi servitori, o sono emarginati”, ha concluso Lutovac, sottolineando che le persone vivono peggio di sette anni fa.

http://rs.n1info.com/Vesti/a502272/Djilas-Samo-sredjivanje-birackog-spiska-ne-bi-stvorilo-uslove-za-izbore.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Dragan Djilas, Elezioni, liste elettorali
stipendio medio a maggio
Salari più alti per medici e infermieri, soldati, poliziotti

Le dimissioni di Ramush Haradinaj? Secondo Vucic solo un trucco politico

Close