L’inflazione raggiungerà il picco nel 3° trimestre e poi inizierà a scendere

La Banca Nazionale di Serbia (NBS) ha dichiarato nel suo ultimo rapporto che l’inflazione si è attestata al 12,8% a luglio, soprattutto a causa dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari e del carburante.

Il governatore della NBS Jorgovanka Tabakovic ha aggiunto che gli esperti della banca centrale ritengono che l’inflazione raggiungerà il picco a settembre. “L’aumento dei prezzi nel terzo trimestre sarà causato principalmente dai maggiori costi di produzione dovuti all’aumento dei prezzi dei carburanti, all’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli e delle materie prime industriali e al significativo aumento dei prezzi di produzione dei nostri partner commerciali dell’Eurozona”, si legge nel rapporto.

Tabakovic ha affermato che l’inflazione dovrebbe diminuire gradualmente grazie alle condizioni monetarie più restrittive e ai limiti imposti dal governo su alcuni prezzi, ma ha aggiunto che i prezzi di frutta e verdura dovrebbero aumentare a causa della siccità.

Il rapporto dell’NBS afferma inoltre che il deficit delle partite correnti dovrebbe salire al 9,4% del PIL. Il costo per le importazioni di carburante sono state pari a 3,1 miliardi di euro quest’anno, ovvero 2,1 miliardi in più rispetto alla prima metà del 2021.

Tabakovic ha poi aggiunto che prevede che gli investimenti diretti esteri ammonteranno a 3,3 miliardi di euro quest’anno e ha aggiunto che le riserve di valuta forte del Paese erano pari a 15 miliardi di euro alla fine di luglio.

(Politika, N1, 17.08.2022)

https://www.politika.rs/sr/clanak/514535/Vrhunac-inflacije-u-trecem-tromesecju-a-onda-pad

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top