Linea ferroviaria Belgrado-Budapest all’esame della Commissione Europea

Secondo quanto ha riportato il Financial Times, l’Unione europea sta analizzando il piano per la costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità tra Belgrado e Budapest, che rientra nel quadro dell’iniziativa “One Belt One Road” (la Nuova via della seta), per accertare se il piano violi o meno il regolamento dell’UE che disciplina lo svolgimento delle gare pubbliche.

I funzionari europei nutrirebbero dei dubbi circa la fattibilità finanziaria del progetto della linea ferroviaria, dell’importo di 2,89 miliardi di dollari, e, nel frattempo, sono intenti ad accertare la sua conformità al regolamento dell’Unione europea sui progetti per il trasporto di grandi dimensioni che necessitano di una gara pubblica per essere lanciati.

“La Commissione sta valutando la conformità del progetto con il diritto dell’UE. Il dialogo con le autorità nazionali è in corso”, ha riferito una portavoce della Commissione europea.

La linea ferroviaria dovrebbe essere lunga 350 chilometri e collegherebbe le capitali di Serbia e Ungheria. La realizzazione della linea è parte integrante di un più ampio progetto cinese (del valore di 900 miliardi di dollari), il cui obiettivo finale è la connessione infrastrutturale della Cina con Europa, Medio Oriente e Africa.

In discussione presso la Commissione vi sarebbero gli accordi firmati separatamente dalle autorità ungheresi e serbe. Tuttavia l’obiettivo principale dell’indagine è l’Ungheria, uno Stato membro dell’UE, quindi soggetto al pieno rigore del diritto europeo in materia di appalti. Come membro potenziale della UE, la Serbia è soggetta a regole più allentate.

Il mancato rispetto delle leggi sugli appalti dell’UE può essere punito con multe e procedimenti per violazione. “Se arriva il momento critico, e dovesse venire a galla che gli ungheresi hanno concesso un appalto per lavori pubblici di una dimensione particolare senza gara d’appalto, questo significherà ovviamente che hanno violato la legislazione europea”, spiega un alto funzionario Ue.

Non vi è alcun contratto in quanto tale, che copre la costruzione del segmento ungherese della ferrovia, ma l’anno scorso Ungheria e la Cina hanno raggiunto un accordo per la nomina delle aziende che dovrebbero cooperare allo sviluppo del progetto.

(eKapija, Financial Times, 20.02.2017)

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1675072/EU-ispituje-kineski-projekat-izgradnje-pruge-Beograd-Budimpe%C5%A1ta-Da-li-je-ispo%C5%A1tovan- europea-legge-di-Procurement?

https://www.ft.com/content/003bad14-f52f-11e6-95ee-f14e55513608

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top