L’industria serba del “gaming” in costante ascesa

Nel terzo rapporto annuale dell’industria dei videogiochi serba per il 2020, la “SGA” (Serbian Gaming Association) ha condotto ricerche e analisi di mercato e ha presentato i progetti delle società di gioco nazionali.

L’industria nazionale serba ha guadagnato circa 120 milioni di euro lo scorso anno e registra un tasso di crescita annuo di circa il 20%. Attualmente impiega più di 2.000 dipendenti, in oltre 120 aziende. Un terzo dei dipendenti sono donne e i giochi per piattaforme mobili (40%) e PC (33%) sono i più sviluppati, scrive il portale “Startit”.

Circa il 60% delle aziende ha un ufficio a Belgrado e circa il 66% di tutte le società sono organizzate come società SRL. La quota maggiore di aziende (56%) impiega fino a 5 persone, seguite da quelle con 6-20 (31%).

Ben il 66% delle aziende ha dichiarato di voler assumere più persone nel 2021 e il rapporto afferma che le posizioni di programmatori e artisti sono le più difficili da trovare.

Tra i tipi di giochi in fase di sviluppo, il mercato interno è dominato da titoli completamente originali (62%) mentre l’outsourcing è di gran lunga al secondo posto (11%). Circa il 61% dei ricavi proviene dalle vendite dirette (75-100% dall’estero) e nel 2019 solo il 13% delle aziende ha ricevuto un qualche tipo di finanziamento.

Quest’anno sono stati pubblicati 41 giochi e altri 51 sono in fase di sviluppo. Secondo il rapporto, i rappresentanti del settore hanno evidenziato la burocrazia come un problema, così come la mancanza di fondi e quadri giuridici che non sono adatti all’industria del gioco. Circa il 57% di loro si aspettava sgravi fiscali dallo Stato sotto forma di assistenza.

https://www.blic.rs/biznis/vesti/srpska-gejming-industrija-prosle-godine-zaradila-120-miliona-evra-veliki-planovi-za/s6q6fgn

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... gaming, gioco
Nordeus e 3lateral: il successo dell’industria serba del gaming

Lo Stato toglie il denaro incassato dal gioco ai gruppi più vulnerabili

Chiudi