L’indice delle libertà economiche colloca la Serbia al 72° posto su 165 Paesi

Nel 2021, secondo l’Indice delle libertà economiche, la Serbia si è piazzata al 72° posto su 165 Paesi, migliorando di due posizioni rispetto allo scorso anno, ha annunciato il “Klub Libek” del “Fraser Institute”.

“Questo piccolo progresso dal 74° al 72° posto può essere attribuito a piccoli cambiamenti nell’area della regolamentazione del credito legati alla privatizzazione delle banche più piccole, ma non alla “Komercijalna Banka”, il cui impatto sarà valutato nella prossima edizione dell’Indice così come con l’entrata facilitata e la permanenza breve degli stranieri nel Paese”, si afferma nell’ultima edizione.

Si aggiunge che Hong Kong e Singapore sono nuovamente in cima all’Indice, seguite da Nuova Zelanda, Svizzera, Georgia, Stati Uniti, Irlanda, Lituania, Australia e Danimarca. In fondo all’indice ci sono Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Siria, Repubblica del Congo, Iran, Zimbabwe, Algeria, Libia, Sudan e Venezuela, mentre Corea del Nord e Cuba non possono essere classificate per mancanza di dati.

Altri importanti Paesi occupano le seguenti posizioni: Giappone 18, Germania 22, Italia 47, Francia 53, Messico 75, Russia 100, India 108, Brasile 109 e Cina 116. Secondo una ricerca economica pubblicata su riviste scientifiche, si dice che le persone che vivono in stati economicamente più liberi abbiano un tenore di vita più elevato, più libertà politiche e civili e vivano più a lungo.

Il reddito medio pro capite in 1/4 dei Paesi con il più alto livello di libertà economica è stato di 50.619 dollari nel 2019. Secondo l’Indice delle libertà economiche, la Serbia è dietro in Europa e solo Grecia, Macedonia del Nord e Bosnia-Erzegovina sono classificate peggio.

Come affermato, la Serbia è valutata male nel settore dello stato di diritto, che è la pietra angolare di un’economia di mercato, e in particolare l’indipendenza della magistratura, l’imparzialità nei procedimenti giudiziari e il rispetto dei diritti di proprietà e dell’esecuzione di contratti a causa di procedure giudiziarie lente e costose.

“In questo contesto economico, non esistono meccanismi adeguati per la protezione della proprietà privata, che porta direttamente a bassi livelli di investimenti interni e bassi tassi di crescita economica. Il basso tenore di vita e gli alti tassi di emigrazione sono una conseguenza di questo”.

Il libero scambio, pur proclamato in linea di principio, è ancora, come accertato, praticamente ostacolato da una cattiva regolamentazione; la regolamentazione delle imprese soffoca l’iniziativa imprenditoriale e impone alti costi amministrativi, e le leggi non si applicano allo stesso modo per tutti.

“L’Economic Freedom in the World” è pubblicato dal “Fraser Institute” in Canada, e misura “il livello al quale la giusta proprietà è protetta e quante persone sono coinvolte in transazioni volontarie”.

https://novimagazin.rs/ekonomija/255877-po-indeksu-ekonomskih-sloboda-srbija-2021-na-72-mestu-od-165-zemalja

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top