Lidl non rinuncia ai suoi piani di espansione in Serbia

Una delle più grandi catene di supermercati in Europa, Lidl, non ha intenzione di rinunciare ai suoi piani per la Serbia, dove aprirà numerosi negozi nel 2018: lo ha comunicato la società tramite un comunicato diffuso dall’agenzia di stampa Tanjug.

Lidl si sta concentrando ora sull’acquisto di terreni, la progettazione per la costruzione e la creazione di vari sistemi all’interno dell’organizzazione al fine di essere pienamente preparata per l’apertura dei suoi negozi in Serbia nel 2018.

“Stiamo costruendo supermercati nelle città di tutta la Serbia, ma, a prescindere dalle dinamiche di costruzione, nessun supermercato sarà aperto prima del 2018”, rende noto l’azienda.

Lidl International si sta attualmente concentrando sull’apertura di negozi in Serbia e Stati Uniti, e, per ora, non ha intenzione di espandere ulteriormente le proprie attività nella regione dei Balcani, tra cui Bosnia-Erzegovina, nonostante le speculazioni dei media.

A giudicare dai lavori di costruzione attualmente in corso, è probabile che discount vengano aperti a Belgrado, Novi Sad, Bor, Zrenjanin, Smederevo, Nis, Subotica, e probabilmente a Sombor, Kragujevac, Nis, Krusevac, Pancevo. La rete di negozi sarà fornita da un centro di distribuzione attualmente in costruzione a Nova Pazova. Il centro di distribuzione sarà costruito in più fasi, e 700 nuovi posti di lavoro dovrebbero essere creati. Lidl ha acquistato il terreno, su cui si sta costruendo il centro, nel 2014, per 158 milioni di dinari. Il centro dovrebbe estendersi su 78.500 metri quadrati, e, in un primo momento, sarà dotato di un magazzino (tra cui una zona di stoccaggio a freddo) e di un edificio amministrativo.

(Vecernje Novosti, eKapija, 20.02.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:650962-Lidl-Prve-prodavnice-u-Srbiji-2018-godine

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1675390/Lidl-otvara-prve-prodavnice-u-Srbiji-2018-godine-U-toku-kupovina-lokacija-i-gradnja-objekata

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... investimenti esteri
Industria della carne: il governo spiana la strada a Tonnies?

Gli Stati Uniti ai tempi di Trump: il viaggio dei parlamentari serbi

Chiudi