L’identità di genere e di sesso e la polemica sui libri di testo degli studenti

Secondo il nuovo programma di biologia per la terza media, sui nuovi libri di testo gli studenti studiano per il secondo anno consecutivo, ma solo ora alcuni si sono infastiditi per quanto scritto nei libri di alcune case editrici nelle lezioni su sesso e identità di genere.

Sotto l’attacco del Movimento “Dveri”, ovvero del suo Consiglio per l’Educazione e la Scienza, qualche giorno dei libri di testo di biologia per la terza media delle case editrici “Klett e Vulkan”, sono stati accusati di diffondere l’omosessualità e la propaganda transgender ai minori. “Qualcuno dell’Istituto per il miglioramento dell’istruzione e dell’educazione (ZUOV) o del Ministero dell’Istruzione ha esaminato i libri di testo prima dell’approvazione e prima del loro rilascio alla stampa e dell’ingresso nel programma educativo?” Se no, perché no? Se sì, chi è il responsabile della propaganda dell’omosessualità e del transgenderismo ai minori, cioè agli studenti”, ha chiesto il Movimento “Dveri”.

Sebbene la proposta per un programma di biologia per la terza media sia stata scritta proprio dal ZUOV, assieme a un comitato che comprendeva rappresentanti della Facoltà di Biologia, che il Consiglio nazionale per l’istruzione (NPS) ha dato un parere positivo su quel programma, che poi è stato adottato dal Ministero dell’Istruzione e pubblicato nel 2019, all’epoca in cui Mladen Šarčević era ministro, il Ministro Branko Ružić ora chiede una revisione di una parte del programma. “Comprendo e sostengo pienamente che sia necessario insegnare ai bambini la tolleranza e il rispetto reciproco, comprendendo le differenze e accettandole, ma sulla base di teorie scientifiche riconosciute e in conformità con le politiche del Paese in cui viviamo”, ha fatto sapere il Ministero dell’Istruzione. È sintomatico che la reazione dei “Dveri” e di parte dei media a orientamento nazionale arrivi nel momento in cui si attende la decisione sull’Europride.

I libri di testo di biologia per la terza media sono stati attaccati anche nel marzo dello scorso anno, in un momento in cui l’opinione pubblica ha creato artificialmente una relazione sui contenuti dei programmi scolastici e sui libri di storia su Jasenovac, ma anche nel bel mezzo del dibattito sul disegno di legge sulle unioni omosessuali. Alcuni si sono infastiditi dal fatto che in uno dei libri di testo di biologia viene fatta una distinzione tra sesso e genere, poi l’affermazione che sesso e genere non corrispondono ad alcune persone, che i giovani a volte mettono in discussione la loro identità di genere durante l’adolescenza e che ci sono persone che si considerano neutre rispetto al genere.

Nel 2019 è stato pubblicato il programma di insegnamento e apprendimento per la terza media, che si applica a partire dall’anno scolastico 2021/22. I critici di questo programma dubitano che al termine della terza media, lo studente “sarà in grado di collegare i cambiamenti che si verificano durante la pubertà con l’azione degli ormoni”, e l’istruzione per l’attuazione didattico-metodica del programma, che afferma che “nell’elaborazione dell’identità sessuale e di genere, oltre a sviluppare la tolleranza e l’accettazione della diversità, gli studenti dovrebbero avere una prospettiva più ampia della variabilità genetica come fenomeno naturale, che non fornisce presupposti per pregiudizi, stereotipi, discriminazioni e violenze”.

https://www.danas.rs/vesti/drustvo/polni-i-rodni-identitet-sta-je-sporno-u-programu-i-udzbenicima-biologije-za-osmi-razred/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top