Li Manchang: presto Bank of China a Belgrado

L’Ambasciatore della Cina a Belgrado, Li Manchang, ha annunciato l’apertura della Bank of China a Belgrado, aggiungendo che decenni di amicizia del Paese del Sol levante con la Serbia potrebbero essere ancora una volta di più dimostrati dall’abolizione dei visti. Il termine ultimo per questa decisione dovrebbe coincidere con l’inizio del 2017.

“In quanto Ambasciatore della Cina qui, per me la Serbia riveste un’importanza primaria: si tratta del primo paese in Europa ad aver costruito un ponte con il nostro paese, e quello in cui la Cina sta provvedendo a costruire la prima ferrovia ad alta velocità. Il primo paese con cui la Cina ha stabilito una partnership strategica onnicomprensiva in Europa è, ancora una volta, la Serbia. Questo è il motivo per cui, in seguito alla visita del nostro presidente a giugno, le delegazioni cinesi stanno arrivando in massa. Tutto ciò ha determinato un aumento del flusso di viaggiatori tra i nostri due paesi, ed è giunto il momento per noi di capire come possiamo facilitare le visite reciproche per i viaggiatori ordinari, imprenditori, rappresentanti di imprese e aziende”, ha dichiarato Manchang.

L’accordo ufficiale tra i due paesi dovrebbe essere firmato nel mese di novembre, ed entrare in vigore successivamente: “realisticamente tutto potrebbe concludersi entro l’inizio del prossimo anno”.

La Serbia sta diventando sempre più attraente per i turisti cinesi. Nel 2011, circa 3.500 persone provenienti dalla Cina hanno visitato il paese balcanico, e, nella prima metà del 2016, circa 10.000. L’Ambasciatore ha reso noto che circa 600 visti vengono rilasciati ogni mese e 7.000 ogni anno, per lo più richiesti da turisti e imprenditori.

(eKapija, 25.10.2016)

http://www.ekapija.com/website/en/page/1577326/Bank-of-China-coming-to-Serbia-Abolition-of-visas-for-China-in-early-2017

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top