Lezioni online per le medie e le superiori; vacanze scolastiche dal 21/12 al 18/01

L’epidemiologo Branislav Tidorović dopo la sessione dell’Unità di crisi ha dichiarato che si è deciso che dalla prima alla quinta elementare gli studenti continuino a lavorare secondo il sistema esistente, mentre le medie e le superiori passeranno all’insegnamento online. Le vacanze scolastiche inizieranno il 21 dicembre e dureranno fino al 18 gennaio 2021.

Lo stesso ha detto ai giornalisti che è stata fatta una raccomandazione che le scuole primarie continuino a funzionare come prima fino al 21 dicembre e che gli studenti delle medie passino al sistema online, fino al 21 dicembre.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Tiodorović ha aggiunto che l’insegnamento online sarà valido anche per le scuole superiori e che le scuole avranno l’opportunità di invitare quei bambini che vogliono migliorare i loro voti. Ha aggiunto che si propone anche alle facoltà di frequentare le lezioni online, in modo che le esercitazioni di laboratorio vengano eseguite con la piena applicazione delle misure epidemiologiche.

Tiodorović ha sottolineato che le scuole non chiudono, ma si spostano solo verso l’insegnamento online, il che è eccellente, perché è importante che i bambini non perdano ciò che devono imparare, che non siano danneggiati e lo stesso ha sottolineato che si fida degli educatori.

La situazione epidemiologica è meno favorevole nelle scuole secondarie, dove il numero di studenti infetti non supera lo 0,24% e statisticamente non causa grossi problemi, mentre nelle scuole primarie un numero maggiore di insegnanti è malato o in isolamento (circa il 2,2%), ma la situazione non dovrebbe essere vista solo dal lato statistico.

Gli asili non chiuderanno.

Tiodorovic ha dichiarato che l’Unità di crisi ha avuto un compito difficile, perché doveva pesare e prendere decisioni che garantissero la sostenibilità del sistema sanitario, ma anche il mantenimento dell’economia, ma che per ora non c’è bisogno di introdurre lo stato di emergenza.

La situazione potrebbe migliorare e calmarsi durante il mese di dicembre, il 4 o 5 dicembre, ma ha aggiunto che sarà necessario prestare attenzione anche durante le vacanze: “È bello essere a Kopaonik, Zlatibor, o all’estero, ma non è ora il momento”, ha detto Tiodorović.

Alla domanda sull’arrivo di persone dall’estero per le vacanze, Tiodorović ha detto di ritenere che in due o tre giorni avrà una risposta sull’introduzione di alcune misure cautelari.

Ha valutato che la stanchezza tra la popolazione è normale, ma che è importante che tutti siano forti adesso, per sopportare questa ondata che, secondo le stime, dovrebbe calmarsi entro la fine dell’anno.

Tiodorovic ha detto che in Serbia non c’è solo un aumento dei numeri, ma una marea di nuovi casi e che il numero è aumentato da 10 a 15 volte rispetto a due settimane fa. Ha aggiunto che il sistema sanitario può ancora resistere, ma bisogna tenere presente che se continua così la situazione sarà molto difficile.

Nelle ultime 24 ore in Serbia sono state registrate 7.579 nuove infezioni da coronavirus e 41 decessi. Un totale di 140.608 persone sono state contagiate finora con 1.315 morti.

https://www.danas.rs/drustvo/nove-mere-kriznog-staba-onlajn-nastava-za-djake-osim-za-mladje-osnovce/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top