L’Europa sta con Vucic?

Gli inviati del Parlamento europeo hanno presentato alle autorità di governo e all’opposizione una bozza del documento sull’accordo per le condizioni elettorali che sarebbe stata presentata prima ai rappresentanti al potere, e poi ai partiti contro lo stesso. Il fatto che il documento non preveda meccanismi su come e in che modo il governo è obbligato a dare attuazione all’accordo, solleva dei dubbi se e in che modalità tale accordo potrà davvero essere raggiunto.

Una bozza del documento, redatta dagli eurodeputati Vladimir Bilcik e Tanja Fajon e dagli ex eurodeputati Knut Fleckenstein e Eduard Kukan, è stata presentata prima alle autorità e poi all’opposizione. Secondo il professore della Facoltà di Scienze Politiche, Dušan Spasojević, il suo contenuto coprirebbe tutti i temi più importanti.

“Quello che è problematico, dal mio punto di vista, è che non sappiamo se è l’unico documento o ci sono alcuni documenti più operativi che prevedono cose più concrete”, sottolinea l’esperto.

Riferendosi al fatto che la proposta degli eurodeputati è stata presentata prima alle autorità e poi all’opposizione, Spasojevic dice che non c’è da stupirsi, visto che, nonostante tutto, le parti nei negoziati non hanno lo stesso peso.

Alla domanda se il Parlamento europeo (PE) si sia schierato con le autorità in questo modo, Spasojevic pensa che si saprà quando si scoprirà se questa proposta degli eurodeputati è l’unica e quanto si insisterà su di essa. “Se si tratta di una sorta di raccomandazione, sarà chiaro che il Parlamento europeo non è in grado di esercitare una pressione sufficiente sul governo e sarà una conferma della situazione che abbiamo da diversi anni. Probabilmente, se guardiamo al realismo politico, ci si aspettava che il governo vedesse quel documento prima dell’opposizione”.

Spasojevic nota che uno dei punti del citato documento prevede che una parte dei programmi dei media professionali e indipendenti venga trasmessa su televisioni a frequenza nazionale, e che questa è una proposta molto importante. “Tuttavia, non sappiamo se c’è un’idea su come attuare il piano. Per dare un giudizio definitivo, dobbiamo sapere cos’altro c’è dietro, se si tratta solo di raccomandazioni o ci sono documenti e passaggi su come implementare davvero le cose elencate”.

Da li je Evropska unija stala na stranu Vučića

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top