L’EPS potrebbe licenziare 16.000 lavoratori

I rappresentanti di un’ala del sindacato dell’industria elettrica serba (EPS), guidati dall’ex presidente del sindacato Milan Đorđević, si sono detti molto insoddisfatti dell’iniziativa del Ministero delle Miniere e dell’Energia di modificare lo statuto della società, secondo cui l’unico membro dell’assemblea degli azionisti sarebbe il ministro dell’Energia Dubravka Đedović.

Il Ministro Đedović, in quanto rappresentante del proprietario di EPS, cioè il governo serbo, era l’unica persona autorizzata non solo a nominare l’amministratore delegato dell’azienda, ma anche i direttori esecutivi, il che costituisce un precedente in aziende di questo tipo e viola il diritto discrezionale del capo dell’azienda di scegliere i suoi collaboratori più stretti.

Il sindacato rileva inoltre che il Ministero delle Miniere e dell’Energia ha chiesto che EPS, dopo la trasformazione in società per azioni, si occupi solo di produzione e vendita di energia elettrica. I sindacalisti sostengono che questo sarebbe un passo verso la chiusura dei settori minerario e termoelettrico dell’azienda e provocherebbe un’eccessiva importazione di elettricità, che costerebbe una fortuna. “Nel caso in cui il Ministero continuasse a insistere sull’attuazione di questa soluzione e si rifiutasse di scendere a compromessi, ciò significherebbe che l’azienda sarebbe gestita in modo assolutamente sbagliato e preparerebbe il terreno per la chiusura delle centrali termiche e delle miniere di carbone in tutta la Serbia. In altre parole, su circa 20.000 lavoratori, 16.000 verrebbero licenziati. Sarebbe un disastro enorme e non lo permetteremo. Se la direzione dell’EPS soddisfa le richieste del Ministero delle Miniere e dell’Energia, organizzeremo un’interruzione immediata del lavoro e inizieremo uno sciopero generale per impedirlo”, avverte Đorđević.

(Danas, 29.03.2023)

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/odluka-koja-bez-posla-ostavlja-16-000-ljudi-sindikalci-usli-na-sednicu-nadzornog-odbora-eps-a-prete-stajkom-video/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top