L’epidemia non rallenta; all’economia servono ulteriori misure di sostentamento

I sistemi di garanzia con cui lo Stato fornisce assistenza alla liquidità e al capitale circolante agli imprenditori sono una misura buona e utile, così come tutti gli altri avviati dalle autorità in Serbia per combattere gli effetti negativi del coronavirus, ma sicuramente non saranno sufficienti per contrastare efficacemente la nuova crisi economica, sostengono gli esperti economici.

Toplica Spasojevic, presidente del Sistema ITM, sottolinea che tutte le misure adottate dal governo sono molto importanti per gli uomini d’affari, ma poiché l’epidemia di coronavirus non sta diminuendo, probabilmente sarà necessario adottare ulteriori misure in tal senso e lo Stato dovrà lavorare per trovare altri modi per aiutare l’economia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Dobbiamo aspettare ancora un po’ di tempo per vedere se il virus continuerà a diffondersi o se l’epidemia, ovvero la sua prima ondata, finirà. Nel caso in cui l’epidemia continui, è certo che gli attuali aiuti di Stato non saranno sufficienti e che sarà necessario trovare dei modi per fornire fondi aggiuntivi. In primo luogo per il settore del turismo e per gli altri che sono direttamente e fortemente colpiti dalla pandemia”, spiega Spasojevic.

Il presidente onorario dell’Unione dei datori di lavoro della Serbia (Unije poslodavaca Srbije), Nebojsa Atanackovic, concorda con l’opinione secondo cui le precedenti misure del governo aiutino gli imprenditori, ma ritiene che vi sia spazio per un monitoraggio della situazione e una reazione adeguata attraverso ulteriori iniziative volte a preservare le attività economiche.

Sottolinea che il governo ha annunciato che prenderà in considerazione ulteriori possibilità per aiutare gli imprenditori al fine di sopprimere gli effetti negativi del virus sull’economia.

“Una di queste misure è un sostegno quando si tratta di assumere giovani che fanno domanda per la loro prima occupazione. Credo che il governo stia monitorando attentamente la situazione e prendendo in considerazione le possibilità di ulteriori misure che renderebbero più semplice per l’economia lavorare in condizioni in cui il virus persiste”, sottolinea Atanackovic.

Goran Rodić, vicepresidente della Camera dell’edilizia serba, ha dichiarato al giornale “Danas” che tutte le misure adottate dal governo, comprese quelle relative alle garanzie bancarie, hanno senso nel caso dell’edilizia solo se gli operatori locali iniziano a svolgere un ruolo guida nelle principali opere infrastrutturali nel Paese.

“Se le aziende serbe fossero a capo dei lavori, l’edilizia domestica guadagnerebbe molto più denaro di ora, quando invece ottiene principalmente compiti di secondo piano. Assumere il ruolo principale nella realizzazione delle opere di infrastruttura darebbe alle società locali un sostentamento, la possibilità di un aumento degli stipendi per i dipendenti e l’opportunità di assumere nuovi lavoratori”, afferma Rodić.

Il governo della Serbia ha approvato il decreto sulla determinazione del regime di garanzia come misura di sostegno all’economia per mitigare le conseguenze della pandemia, che consente una garanzia statale per prestiti per un valore complessivo fino a due miliardi di euro.

Si tratta di prestiti con un periodo di rimborso di 36 mesi e un periodo di grazia da 9 a 12 mesi, con lo Stato che garantisce fino all’80% dell’importo dovuto. Al 15 giugno sono stati approvati 6.332 prestiti, per un valore complessivo di 526 milioni di euro, inclusi i prestiti a contratto, di cui 4.996 per un valore di 365 milioni di euro. Si lavora per approvare la richiesta di altri 3.449 prestiti per un valore totale di 453 milioni di euro. L’economia ha a disposizione un altro miliardo di euro nell’ambito del regime di garanzia.

https://www.danas.rs/ekonomija/epidemija-se-ne-smanjuje-privreda-trazi-dodatne-ekonomske-mere/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... edilizia, epidemia, misure economiche, prestiti dello Stato
Radovanović: “Se non facciamo attenzione, in arrivo una nuova ondata del virus”

Kon: “C’è un’alta probabilità che il virus ritorni in autunno”

Chiudi