L’epidemia del corona virus blocca la produzione nella Fiat Chrysler di Kragujevac

A causa della mancanza di componenti dalla Cina, la Fiat Chrysler (FCA) con sede a Kragujevac non lavorerà durante questa settimana e non si sa se la produzione riprenderà nell’ultima settimana di febbraio.

Il 13 febbraio sono stati fermati i nastri di produzione e assemblaggio presso lo stabilimento di Kragujevac, a causa della carenza di pezzi per il montaggio del modello “500L” che di solito arrivano dalla Cina, colpita ora dal corona virus. I lavoratori saranno lasciati a casa e parzialmente retribuiti così come in altri tempi di inattività della produzione; agli operai di Fiat Chrysler sarà corrisposto il 65% e a quelli di Fiat Plastic, che opera all’interno della FCA, il 60% del normale stipendio mensile.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Attualmente le defezioni di materiale riguardano parti presenti nei lettori CD, che sono installati in ogni auto di nuova fabbricazione, quindi componenti dei paraurti realizzati da Fiat Plastic e parti del cruscotto realizzate in Serbia dall’azienda “Adient”, acquistata dai cinesi dalla multinazionale “Johnson Controls”.

https://www.danas.rs/ekonomija/epidemija-zaustavlja-proizvodnju-u-kragujevackom-fijat-krajsleru-na-duzi-rok/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Cina, corona virus, Fiat Chrysler
La piattaforma di pagamento online cinese “Alipay” tra qualche mese in Serbia

La Serbia firmerà un Memorandum d’intesa con la compagnia cinese “Huawei”

Close